Articoli con tags ‘ whisteblowing ’


Corruzione, secondo un’indagine il fenomeno è “forte” ma è in atto “un cambiamento radicale”

Mag 27th, 2015 | Categoria: news
  Secondo un’indagine condotta da Ernest & Young (EY) che ha coinvolto 3.800 lavoratori di imprese medie e grandi site in 38 Paesi, per il 42% degli intervistati gli strumenti normativi anticorruzione in Italia sono stati migliorati e sono più efficaci rispetto a due anni fa. Fabrizio Santaloia, responsabile Ernst&Young per l’area del settore, ha affermato: “Il problema della corruzione nel nostro Paese è ancora forte, ma negli ultimi anni assistiamo a un cambiamento radicale. La forte sensibilizzazione e l’incremento della regolamentazione rappresentano validi strumenti per contrastare la diffusione della corruzione.” Gli effetti positivi sulle “condotte aziendali” sarebbero riscontrabili, ma il fenomeno rimarrebbe diffuso, secondo il 67% del campione d’indagine. Ci sarebbe una maggiore attenzione per la gestione dei servizi di whistleblowing, secondo il 67% degli intervistati. Secondo il 33% di intervistati, il management aziendale sarebbe soggetto a pressioni crescenti per espandersi verso mercati ad alto rischio, dove il 61% ritiene ci sia una alto rischio di corruzione, per quanto riguarda l’indagine in Paesi EMEIA (Europa, Medio Oriente, India e Africa). Il 37% afferma che le aziende sovra stimano le proprie performance finanziarie allo scopo di migliorare la propria reputazione. I paesi in via di sviluppo non sono l’unico contesto in cui il rischio di...


Legge anticorruzione, la disamina di Libera

Mag 13th, 2015 | Categoria: prima pagina
di redazione
È un passo in avanti, ma serve di più, molto di più. È un ulteriore sforzo quello chiesto da Libera sulla legge anticorruzione che, secondo l’accordo raggiunto dalla maggioranza, potrebbe essere approvata senza modifiche già venerdì mattina. Secondo quanto ribadisce l’Ufficio di presidenza dell’organizzazione, si tratta dunque di una proposta da migliorare «specie, ma non solo, sul lato di contrasto al fenomeno corruttivo». Concetti che l’associazione guidata da don Luigi Ciotti ha già sottolineato in Commissione Giustizia nel corso di un’audizione a cui hanno preso parte i referenti di Libera e del Gruppo Abele che condividono la campagna Riparte il Futuro. Per l’organizzazione «finalmente torna a essere perseguibile penalmente il falso in bilancio senza prevedere soglie e con la procedibilità d’ufficio, ma sarebbe stato bene accogliere l’emendamento che innalzava fino a sei anni le pene per le società non quotate, per permettere le intercettazioni. Così come sarebbe stato utile estendere al contrasto della corruzione anche gli strumenti d’indagine previsti per la lotta alla mafia ed inasprire in misura maggiore le sanzioni interdittive. Molto importante sia il potenziamento dell’Autorità nazionale anticorruzione all’insegna della trasparenza e degli scambi d’informazioni con la magistratura, che vanno a migliorare le sue azioni di controllo sia la restituzione del maltolto...