Articoli con tags ‘ Viminale ’


Spatuzza, per lui di nuovo il programma di protezione

Set 8th, 2011 | Categoria: news
Gaspare Spatuzza è stato riammesso nel programma di protezione del Viminale per i collaboratori di giustizia. L’ex capomafia di Brancaccio non godeva più della protezione da giugno dello scorso anno, per volontà della commissione del ministero dell’Interno presieduta dal sottosegretario Alfredo Mantovano. Tuttavia, la recente sentenza del Tar e i nuovi pareri espressi dalle Procure di Firenze, Caltanissetta e Palermo, hanno indotto i membri della commissione a fare un passo indietro, rivedendo le proprie posizioni. Gaspare Spatuzza iniziò a collaborare nell’estate del 2008, rivelando fatti salienti legati alle stragi di Capaci e di via D’Amelio del 1992; il pentito parlò inoltre di presunti rapporti intercorsi tra il boss Graviano e i politici Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi. Adesso può essere considerato a tutti gli effetti un collaboratore di giustizia. (Ma.De.)


Spatuzza attendibile per il Tribunale di Palermo

Ago 4th, 2010 | Categoria: news
Attendibile. Così sentenzia il Tribunale di Palermo nei confronti del boss Gaspare Spatuzza. Uno status già riconosciuto dalla procura di Firenze nel marzo 2010, in occasione dell’arresto di Francesco Tagliavia. Oggi a giudicare “l’attendibilità intrinseca” e la “credibilità soggettiva” del pentito di mafia è stata il Gup palermitano Daniela Troja. Il riconoscimento della credibilità di Spatuzza è legato alla sentenza per l’omicidio di Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore Santino: il ragazzo fu sequestrato il 23 novembre 1993 e ucciso l’11 gennaio 1996, a quindici anni. Il suo corpo non fu mai ritrovato in quanto disciolto nell’acido nitrico. A macchiarsi di un simile omicidio sono stati Benedetto Capizzi, Cosimo Lo Nigro e Cristofaro Cannella, i quali sono stati condannati, secondo la sentenza emessa oggi, 4 agosto, a trenta anni di carcere. La credibilità di Gaspare Spatuzza, tuttavia, era già stata formalmente riconosciuta dalla procura di Firenze lo scorso 17 marzo, in seguito all’emissione di un ordine di custodia cautelare a carico di Francesco Tagliavia, in carcere per scontare le condanne inflittegli in quanto esecutore di 26 omicidi. In quell’occasione Giuseppe Quattrocchi, procuratore capo della Repubblica di Firenze, dichiarò: “Per noi Spatuzza è perfettamente attendibile. Se così non fosse stato, non avremmo avviato di...