Articoli con tags ‘ Viktor Ivanov ’


Iran chiama Italia: insieme nella lotta al narcotraffico afghano

Lug 21st, 2010 | Categoria: news
Sembra che gli Stati facciano a gara a candidarsi come risolutori del problema del narcotraffico proveniente dall’Afghanistan. Dopo le dichiarazioni di Viktor Ivanov, capo del Servizio federale russo anti-droga, che lo scorso giugno ha fatto sapere della disponibilità della Russia “a guidare una coalizione internazionale di lotta contro il narcotraffico, in special modo nella lotta al traffico di droga dall’Afghanistan”, si è espresso ieri il ministro degli esteri iraniano Manoucher Mottaki. In occasione della recente conferenza internazionale sull’Afghanistan tenutasi a Kabul, che ha riunito circa circa 70 delegazioni di Paesi e rappresentanti delle istituzioni internazionali, il ministro Mottaki ha proposto al suo omologo per l’Italia, Franco Frattini, una collaborazione tra idue paesi nella lotta al narcotraffico che ha origine nei campi d’oppio afghani e che arriva a soddisfare metà del mercato mondiale. La proposta di Mottaki è stata divulgata dall’agenzia stampa studentesca iraniana Isna, e confermata dallo stesso Frattini. Il progetto consisterebbe nella gestione congiunta della zona di frontiera tra l’Afghanistan e l’Iran appunto, regione che prende nome dalla provincia Herat. La cittadina di circa 250 mila abitanti è da tempo sotto il controllo del contingente italiano ma è da sempre la porta occidentale da cui esce il fiume di...


La Russia contro l’oppio afghano

Giu 7th, 2010 | Categoria: news
«La Russia è disposta a guidare una coalizione internazionale di lotta contro il narcotraffico, in special modo nella lotta al traffico di droga dall’Afghanistan». E’ la dichiarazione rilasciata da Viktor Ivanov, capo del Servizio federale russo anti-droga, al quotidiano del governo ‘Rossiskaia Gazetà”. Secondo Ivanov la Russia è la vittima principale del traffico di stupefacenti dall’Afghanistan. Nel paese «muoiono ogni anno per uso di stupefacenti 30.000 persone, mentre nell’intera Europa ne muoiono circa 10.000» e dei 2,5 milioni di tossicodipendenti in Russia, il 90% «usa eroina di produzione afghana. Consumiamo la quinta parte di tutta l’eroina prodotta in Afghanistan». In linea con queste dichiarazioni già lo scorso marzo Viktor Ivanov aveva segnalato l’inizio di uno scambio di informazioni con gli Usa sulle organizzazioni e gli individui che producono e commerciano oppio in Afghanistan. «A mio parere – aveva dichiarato Ivanov alla Cnn lo scorso dicembre – la comunità internazionale e le forze internazionali che vogliano assumersi la responsabilità di creare un futuro per l’Afghanistan devono comprendere che sarà difficile creare una società funzionante e democratica in Afghanistan senza prima aver eliminato la sua industria di droga».