Articoli con tags ‘ Vangelo e mafia ’


Grumo Appula, per don Ciotti l’iniziativa del parroco “è un grave scandalo”

Dic 28th, 2016 | Categoria: prima pagina
di redazione
«Invitare una comunità a ricordare chi è responsabile di soprusi è un grave scandalo». Don Luigi Ciotti commenta così l’iniziativa di don Michele Delle Foglie, parroco di Grumo Appula, in provincia di Bari. In un’intervista rilasciata oggi per il quotidiano «La Stampa», il fondatore e presidente del Gruppo Abele e di Libera spiega che è possibile «celebrare messe in forma privata», ma che il parroco del comune in provincia di Bari non avrebbe dovuto invitare la comunità – per giunta attraverso un manifesto funebre – alla messa di suffragio in ricordo di Rocco Sollecito, presunto boss della ‘ndrangheta e collegato, secondo gli inquirenti, alla famiglia Rizzuto. Don Ciotti ha inoltre ricordato che «la violenza è incompatibile con il Vangelo» e che la Chiesa deve sempre schierarsi nettamente contro le mafie: «Oggi la Chiesa è consapevole, tranne eccezioni, che fedeltà al Vangelo significa anche “interferire”, parlare chiaro, dire no alle mafie e a chi alle mafie presta il fianco, di conseguenza impegnarsi per la libertà delle persone, calpestate da mafiosi e corrotti. Chi denuncia oggi non è più solo, a maggior ragione dopo le parole dei Papi». Il riferimento è alle celeberrime dichiarazioni di Papa Giovanni Paolo II – «Mafiosi, convertitevi! Una volta verrà il giudizio di Dio» – e di Papa Francesco in merito alla scomunica...


La ‘ndrangheta nella relazione della Direzione nazionale antimafia

Feb 26th, 2015 | Categoria: articoli, prima pagina
di Stefano Perri
La ‘ndrangheta si è globalizzata, è andata oltre ogni confine geografico. È divenuta un fenomeno mondiale con le radici ben salde in Calabria. E non solo. È riuscita ad abbattere anche i suoi confini culturali, sdoganando la sua capacità di infiltrarsi nel tessuto politico, sociale ed economico ed estendendo il suo potenziale intimidatorio. È questa una delle prime conclusioni alle quali sono arrivati i magistrati della Direzione nazionale antimafia, scritta nero su bianco sull’annuale relazione presentata il 24 febbraio a Roma. (altro…)