Articoli con tags ‘ terra dei fuochi ’


“Io non mi arrendo”. Sul piccolo schermo la storia del poliziotto Roberto Mancini

Feb 12th, 2016 | Categoria: prima pagina
di Giuseppe Fiorello
Pubblichiamo, per gentile concessione della casa editrice Chiarelettere, la prefazione al libro “Io, morto per dovere”, scritta dall’attore Giuseppe Fiorello, che lunedì 15 e martedì 16 febbraio interpreterà Roberto Mancini nella fiction “Io non mi arrendo”, in onda su Rai Uno in prima serata. (altro…)


Le ultime parole

Feb 12th, 2016 | Categoria: prima pagina
di redazione
Questo testo – nelle prime pagine del libro “Io , morto per dovere” (Chiarelettere) di Luca Ferrari e Nello Trocchia – integra alcuni pensieri scritti da Roberto Mancini nel 2013 con i ricordi dei famigliari e degli amici più cari.  (altro…)


Giugliano: incendio alla Resit, la ‘cava della camorra’. Sindaco: “Ecomafie non riposano”

Lug 23rd, 2015 | Categoria: brevi di mafia
Un vasto incendio è divampato nelle prime ore di oggi all’interno di cava Z, che fa parte della Resit, la discarica alla periferia di Giugliano (Napoli) tristemente noto perché al suo interno sono stati smaltiti dalla camorra rifiuti tossici ed industriali. L’invaso è da tempo sotto sequestro giudiziario. A quanto si apprende a prendere fuoco sono state delle sterpaglie anche se – da quanto emerge – l’incendio non sarebbe stato di natura accidentale. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, i carabinieri e gli agenti della polizia di stato, con il primo dirigente Pasquale Trocino, che stanno conducendo una complessa indagine sui numerosi incendi che si sono verificati nelle ultime settimane nel Giuglanese. Lapidario il commento del sindaco di Giugliano, Antonio Poziello: “Le ecomafie non riposano”.


Terra dei Fuochi, continua il genocidio dell’ecomafia

Lug 22nd, 2013 | Categoria: articoli, prima pagina
di Massimiliano Ferraro
«E voi, campani, ossequiosi e orgogliosi, mettete da parte ogni inutile orgoglio […]. Una cosa è certa: questo popolo – il vostro popolo – sta morendo. Sotto gli occhi di tutti. Anche e soprattutto i vostri. E nessuno sa chi sarà il prossimo a dovere essere colpito dal cancro. Siamo impauriti. È vero. Come potrebbe essere altrimenti? Non sappiamo più che cosa mangiare. È vero. Chi ce lo deve dire? Intanto la Polizia forestale sequestra altri campi. Veleno. Veleno. Veleno. Disonesti. Disumani. Criminali. Non hanno ucciso un uomo, ma intere generazioni». Sono tanto dure quanto amare le parole che don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, ha scritto in una nota diffusa tramite Facebook dopo il sequestro dell’ennesimo campo di veleni. Nel comune a nord di Napoli si tratta del quinto terreno inquinato da rifiuti tossico-nocivi scoperto nel giro di poche settimane. Bentornati nella Terra dei Fuochi, tra Napoli e Caserta, dove il ricordo della ridente Campania Felix è stato cancellato dagli scempi compiuti impunemente dell’ecomafia: sversamenti illegali e roghi di rifiuti . (altro…)