Articoli con tags ‘ stupefacenti ’


Traffico e spaccio di stupefacenti in Italia, gli ultimi aggiornamenti

Gen 9th, 2017 | Categoria: prima pagina
di Piero Innocenti
Se qualcuno aveva pensato che durante le festività natalizie trafficanti e spacciatori di stupefacenti avrebbero preso un periodo di vacanze sarà rimasto deluso. L’andirivieni di questi criminali è proseguito ininterrottamente con le sole giornate di Natale e Capodanno rimaste indenni dalle notizie sul punto. Naturalmente non ha avuto sosta neanche l’azione antidroga delle nostre forze di polizia che su questo versante, come su molti altri, è proseguita con il consueto impegno e con risultati significativi anche se, non mi stancherò di ripeterlo sino alla noia, il fenomeno criminale è sostanzialmente incontrollabile. Così il 2016 stava terminando quando un marocchino, a Legnano, pieno di cocaina e geloso per un amico presunto ammiratore della sua compagna, è stato arrestato dalla polizia in preda ad una grave crisi psicotica. Nelle stesse ore del 29 dicembre, a Voghera, una ragazza di venti anni è stata ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale San Matteo di Pavia dopo aver ingerito alcuni involucri di carta stagnola contenenti cocaina temendo di essere scoperta dalla polizia. Singolare scoperta quella fatta dalla polizia di Trieste in un’abitazione di una anziana signora che, pare a sua insaputa, custodiva un paio di trolley in un trasandato ripostiglio con due chilogrammi di cocaina e...


Spaccio di droghe, la politica italiana batta un colpo

Dic 12th, 2016 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Quando la politica deciderà di affrontare seriamente e con la determinazione necessaria il tema della diffusione delle droghe nel nostro paese e della violenza che l’accompagna, potremo tirare tutti un sospiro di sollievo per lo scampato pericolo di un processo di narcotizzazione che sta avanzando sempre più. Non sono un “terrorista” dell’informazione ma soltanto una persona che, da un quarto di secolo, segue il fenomeno del narcotraffico nazionale e internazionale, un po’ come osservatore privilegiato, potendo contare su dati e informazioni sufficientemente attendibili, un po’ avendo avuto esperienze di servizio dirette e pluriennali nel mondo criminale del traffico di stupefacenti. Non passa giorno che si debbano annotare molteplici fatti di cronaca sul punto davvero “stupefacenti”. È il caso, per esempio, accaduto il 9 dicembre a Pistoia con un operaio marocchino di trent’anni entrato in un bar alla ricerca di clienti cui vendere hashish, come se tutto ciò fosse naturale. La ricerca è andata male perché il cliente “adescato” era un poliziotto fuori servizio che ha aderito all’invito di comprare alcuni etti di stupefacente ammanettando, poi, lo spacciatore una volta giunti in casa dove sono stati sequestrati oltre 4 etti di hashish. Vendita di droghe che avviene anche in maniera piuttosto sbrigativa,...


Stupefacenti Spa

Ott 20th, 2016 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Ogni ora, nel 2016, mediamente, le nostre forze di polizia, hanno denunciato alle varie Procure della Repubblica, in stato di arresto o di libertà, tre persone per traffico e spaccio di stupefacenti. Settantadue persone al giorno, 19.441 dall’inizio dell’anno (dato non consolidato, al primo ottobre scorso) di cui 7.300 stranieri. Il valore più alto delle denunce si è avuto a settembre con 2.501 persone. Se il trend mensile si manterrà costante, con una media di 2.000/2.300 persone segnalate all’autorità giudiziaria, alla fine dell’anno si dovrebbe raggiungere il valore di circa 26mila denunciati che rappresenterebbe il valore più basso dal 2000 (dopo quello del 2015 con 27.718). Nell’ultimo decennio, poi, spicca il picco delle denunce, ben 39.337, che si ebbe nel 2010 (fonte, Direzione Centrale per i Servizi Antidroga- Dcsa). Il calo nell’azione tradizionale di contrasto antidroga è, probabilmente, da attribuire anche alla perdurante inadeguatezza degli strumenti condivisi in ambito internazionale oltre che alla “virtualizzazione” della domanda e dell’offerta delle droghe che investe, comunque, solo una fetta del mercato illecito. Gli internauti del web invisibile, infatti, hanno fatto perdere quel carattere di fisicità che si realizza nel commercio delle droghe: l’incontro per lo scambio sostanza/denaro. Oggi è possibile, con il sistema...


L’argine spagnolo alle droghe per un mercato europeo che non conosce la crisi

Ott 8th, 2015 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Sebbene il consumo di cocaina in Spagna sia, sin dal 2007, in continua diminuzione e si mantenga stabile quello di eroina, amfetamine e allucinogeni, il paese è, storicamente, la porta d’ingresso in Europa della cocaina dal Sud America e dell’hashish dal Marocco. È qui, dunque, che il fronte antidroga europeo deve essere particolarmente forte e incisivo. Un quadro generale sull’andamento della domanda e del consumo di stupefacenti, di tabacco, alcol e sedativi è emerso dalla “Encuesta domiciliaria sobre alcohol y otras drogas” (a cura del Plan Nacional sobre drogas) relativamente al biennio 2013/2014. La cannabis rappresenta sempre la droga collegata al maggior numero di richieste di cura (43,6%),superiore a quello di cocaina (40,2%) ed eroina (11,3%). Relativamente a quest’ultima droga che un tempo arrivava in Spagna attraverso la “rotta balcanica”, negli ultimi anni i trafficanti hanno privilegiato la via diretta con i “colleghi” pachistani. In questo ambito non si rilevano molte attività di contrasto nell’ultimo anno se si escludono l’operazione “Zura”, a cura della polizia basca, con il sequestro di 32kg. di eroina destinata alla regione della Cantabria e al sud della Francia, le operazioni “Hierro e Caballo II”, entrambe della polizia nazionale, con il recupero di 11kg. di droga occultata...


Nuovi elementi nella caccia al boss Darko Saric

Set 1st, 2010 | Categoria: news
Si stringe il cerchio attorno a Darko Saric (foto), il boss del narcotraffico balcanico ricercato dai governi di mezzo mondo, Serbia in testa, e dalla Dea, la Drug Enforcement Administration americana. Anche la magistratura italiana – nello specifico le Procure di Napoli e Bari –  è sulle sue tracce, ritenendolo a capo di una cupola mafiosa dedita al traffico internazionale di armi, stupefacenti, sigarette e droga. Il latitante gode però della protezione di Milo Djukanovic, primo ministro a Montenegro, il quale controlla indirettamente – tramite il fratello Aco –  la banca Prva presso i cui conti ha depositato denaro sporco il boss Darko. (altro…)