Articoli con tags ‘ spaccio ’


Spacciatori in “carriera”

Ott 26th, 2016 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
L’unico grande mercato, nazionale e internazionale, che non conosce crisi, è sempre in “crescita” e disponibile ad assorbire una buona fetta di popolazione giovanile, italiana e straniera, ma anche qualche “anziano” e pensionato, assicurando un buon reddito, in molti casi anche superiore a quello di un dirigente del settore pubblico e privato. Con la possibilità, poi, se si è svegli, intraprendenti al punto giusto e disponibili a curare le relazioni interpersonali, di costituire anche piccoli gruppi di “collaboratori” e mettersi in conto proprio nella distribuzione delle droghe, da quelle tradizionali a quelle sintetiche, a quelle degli “sciamani” (come il recente caso, a Perugia, con il sequestro di ayahuasca, un potente allucinogeno proveniente dal Perù ricavato da piante e vegetali che crescono nelle Ande). Certo qualche rischio si corre. La concorrenza è forte e c’è anche la polizia. Ma, almeno dalle nostre parti, con un po’ di intelligenza nello spaccio si può restare “bloccati” per qualche ora, qualche giorno, un paio di settimane (se va proprio male) ma poi si torna alla normale attività, anche da casa se si è finiti ai “domiciliari”. Non sono considerazioni provocatorie se solo si da uno sguardo a quanto sta accadendo, ogni giorno, su gran...


Traffico internazionale di droga tra Francia e Italia, 17 arresti. L’ombra della ‘ndrangheta

Giu 15th, 2015 | Categoria: news
www.bicigiri.itE’ in corso dalle prime ore dell’alba una maxi operazione antidroga della Polizia di Stato e della Polizia nazionale francese, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) della Procura della Repubblica di Genova e dal Tribunale di Grande istanza di Marsiglia: 17 le persone arrestate, ritenute componenti di un’organizzazione transnazionale, legata alla ‘ndrangheta, attiva nel traffico di sostanze stupefacenti. Gli arrestati, di nazionalità francese e italiana, sono ritenuti essere contigui alle cosche di ‘ndrangheta Gallico e Molè, da tempo operanti nella provincia di Imperia e in Costa Azzurra. In particolare, nella cittadina francese di Vallauris è stata accertata l’operatività di esponenti della famiglia Magnoli, originari di Rosarno (Reggio Calabria), ritenuti essere il vertice dell’organizzazione, unitamente all’italiano Carmelo Sgrò, con precedenti per associazione mafiosa, attivo a Sanremo. Sequestrati 90 kg di coca su un veliero a Martinica.


Bari: 92 arresti tra uomini di clan rivali

Nov 5th, 2010 | Categoria: news
In ginocchio i clan Di Cosola e Stramaglia, che da anni si contendono il dominio di Bari e dei comuni limitrofi. Questa notte gli uomini della squadra mobile della Questura di Bari, coordinati da Fausto Lamparelli, hanno fatto scattare le manette ai polsi di 92 presunti affiliati ai due clan mafiosi: tra i nomi spiccano quelli del boss Antonio Di Cosola (il provvedimento gli è stato notificato in carcere, in quanto già detenuto), Michele Stramaglia e Guseppe Barbetta. Associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti (ne sono stati sequestrati 40 chili), estorsione ai danni di imprenditori edili e di proprietari di frantoi oleari, ma anche diversi episodi di sangue, tra cui l’omicidio nel 2008 di Martino Salatino, presunto affiliato al clan Stramaglia: questi i reati per i quali la magistratura barese ha emesso le 92 ordinanze di custodia cautelare. Duante le operazioni sono state sequestrate anche numerose armi: pistole e due mitragliatori Kalashnikov. Il provvedimento restrittivo è firmato da Giuseppe De Benedictis, gip del tribunale di Bari, a seguito delle richieste avanzate dai pm inquirenti della Dda Desirè Digeronimo, Elisabetta Pugliese e Francesca Romana Pirrelli. L’operazione anti-mafia, denominata “Hinterland” poiché i due clan avevano esteso le rispettive...


Agrigento: dove sgorga la cocaina

Ott 7th, 2010 | Categoria: news
Un pusher che di professione è il presidente di un consorzio idrico e, tra i suoi clienti, anche un sindaco comunale. Non sono i profili dei protagonisti di una spy-story, ma la drammatica realtà scoperta questa mattina ad Agrigento e che ha portato a 19 arresti. L’avvocato Calogero Mattina, presidente del consorzio idrico “Tre sorgenti”, è accusato di aver ceduto, nel febbraio dello scorso anno, cocaina a Salvatore Petrotto, sindaco di Racalmuto, in provincia di Agrigento, eletto nel 2007 nelle fila del centro sinistra. Si tratta di cocaina purissima, che Mattina avrebbe venduto anche a 75 euro la dose e di cui il primo cittadino ne avrebbe uso “in un momento difficile della mia vita” come spiegato per sua stessa ammissione. Le indagini, eseguite dalla squadra mobile della Questura di Agrigento, ruotano intorno al consorzio idrico all’interno del quale sono state effettuate delle intercettazioni audio e video. Le 19 ordinanze di custodia cautelare – che prevedono i domiciliari per l’avvocato Mattina – sono state emesse dal Gip Alberto Davico su richiesta del procuratore capo Renato Di Natale, dell’aggiunto Ignazio Fonzo e dei sostituti Giacomo Forte e Andrea Bianchi. L’operazione ha permesso di fare luce su un vasto traffico di droga nell’intera...


Torino non si ferma mai

Giu 15th, 2010 | Categoria: archivio articoli
di Davide Mazzesi
Dopo le vicende legate al Parco Stura nel capoluogo piemontese sembra non esistere più una piazza dominante dello spaccio. Nuove forme di organizzazione si affacciano sulla scena: ecco la Torino del dopo Tossic Park (altro…)