Articoli con tags ‘ Seregno ’


Se l’educazione antimafia è demagogia

Dic 12th, 2008 | Categoria: archivio articoli
Che la ’ndrangheta avesse costituito una base operativa tra Monza e dintorni era cosa nota ai più. Un dominio monopolistico su molti settori dell’illecito passato, spesso, in secondo piano. Un’attività  silente, in grado di fare affari senza preoccupare troppo la cittadinanza. Con la scoperta delle discariche abusive gestite dal clan Iamonte, questo meccanismo si è però inceppato. La criminalità organizzata ha spaventato il comune cittadino. Ha compiuto un passo falso, mutando la percezione del pericolo. Ora, l’attività dei clan non coinvolge più “pochi” sbandati consumatori di cocaina o sfortunati imprenditori alle prese con usuranti tassi d’interesse. La ’ndrangheta ha presentato il conto alla collettività attentando alla salute di tutti. E i brianzoli hanno chiesto spiegazioni alla politica. Con i distinguo del caso, dovuti alla forza politica d’appartenenza e del ruolo all’interno delle istituzioni, le risposte non sono mancate. Il primo passo compiuto dalle Amministrazioni è stato quello di far sapere ai cittadini di volersi costituire parte civile all’interno del processo che verrà celebrato nei confronti dei responsabili, per ora indagati, dell’affare discariche. Dai proclami alla cittadinanza, passando da interpellanze e interrogazioni, la ’ndrangheta ha poi esordito nel dibattito consigliare di questo territorio. A Desio, città maggiormente investita per la mole...


Un territorio sotto assedio

Dic 10th, 2008 | Categoria: archivio articoli, articoli
La Brianza, un tempo considerata il polmone verde di Milano, si sta gradualmente trasformando in una moltitudine di cittadelle dormitorio. Dietro il boom edilizio, le speculazioni di gruppi ’ndranghetisti che in territorio brianzolo concludono affari da anni, facendo scempio di un’area oggi pesantemente avvelenata anche dallo smaltimento illecito di rifiuti La vicenda ricorda tanto la gestione dei rifiuti tossici campani. Ma le analogie si fermano qui. Non ci sono i riflettori dei maggiori organi d’informazione e non c’entra la camorra. Siamo nella ricca e produttiva provincia di Monza e Brianza, culla del tanto sbandierato made in Italy d’esportazione. Un’area all’apparenza estranea al problema dello smaltimento della spazzatura tanto da essere in grado di differenziarne il 56%. Eppure, in questa provincia Padana, che ad un’occhiata distratta potrebbe sembrare un’isola felice, la ’ndrangheta, favorita dall’indifferenza dei più, è riuscita a infiltrarsi e gestire un traffico di sostanze nocive provenienti da aziende della provincia bergamasca.    L’operazione “Star Wars”. A metà settembre, i cittadini all’ombra della Madonnina, indaffarati come sempre a fare “danè”, si sono improvvisamente resi conto di vivere a stretto contatto con una delle cosche più potenti della provincia di Reggio Calabria. Dietro all’attività illecita, scoperta grazie a un’operazione della Polizia provinciale milanese, denominata...