Articoli con tags ‘ Secondigliano ’


Napoli, l’ascesa criminale della donna a capo del clan

Gen 18th, 2017 | Categoria: prima pagina
di Manuela Galletta
Napoli, una donna a capo del clan. Alla guida di una delle famiglie malavitose più potenti, in termini militari e di ricchezza, del panorama criminale campano. Una donna dal piglio deciso. Che riesce a rimettere insieme i cocci di una cosca spaccata in due dal reggente che l’aveva preceduta. Che custodisce le chiavi dell’esclusivo rapporto d’affari, per l’importazione di cocaina, del narcos internazionale più influente della recente storia di camorra. E che, dice un’ipotesi investigativa ancora tutta in via di sviluppo, avrebbe armato la mano del suo gruppo di fuoco per liberarsi di tutti gli ostacoli incontrati lungo il proprio cammino. Rosaria Pagano varca, in direzione dell’uscita, la soglia della Questura di Napoli intorno alle nove e mezzo del mattino di ieri, 17 gennaio. Avvolta in un piumino di colore viola e stretta tra due poliziotte. Con le due mani regge la voluminosa ordinanza di custodia cautelare che la inchioda al carcere per associazione di stampo mafioso e traffico di droga. Oltre trecento pagine di racconti di pentiti e intercettazioni che hanno restituito il profilo criminale della donna che negli ultimi anni ha assunto la reggenza degli Amato-Pagano, il clan che ha camminato a braccetto coi Di Lauro di Secondigliano sino alla...


Napoli, escalation di violenza. “Mandate l’esercito”

Ago 30th, 2012 | Categoria: news
Armi e munizioni sono state scoperte e sequestrate dai carabinieri in un nascondiglio nelle fondamenta di un fabbricato nel napoletano. A Torre Annunziata, in via Settetermini nel complesso di edilizia popolare chiamato Parco Penniniello, quartiere territorio del clan Gallo-Cavalieri, i militari dell’Arma hanno trovato un fucile mitragliatore kalashnikov calibro 7.62 con 4 caricatori e 133 cartucce; una pistola mitragliatrice calibro 9×19 con 3 caricatori; 35 cartucce calibro 44 magnum; 147 cartucce calibro 9×19; 43 cartucce calibro 357 magnum; un bilancino di precisione. Le armi sono state inviate al Racis di Roma. Il ritrovamento coincide con un acuirsi della tensione nel capoluogo partenopeo, in particolare nei quartieri di Scampia e Secondigliano, teatro di una nuova faida di camorra che potrebbe presto allargarsi a tutta la città. Per questo il presidente della municipalità di Scampia, Angelo Pisani, ha espressamente chiesto l’invio dell’esercito: “Abbiamo un compito fondamentale, salvare i nostri giovani dalla camorra. Il governo deve inviare a Scampia al più presto l’esercito per presidiare le nostre strade e gli edifici”. A fargli eco è il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, che ha chiesto “misure eccezionali”: “E’ inutile nascondersi dietro un dito – ha affermato Cesaro – questa zona si è trasformata...


Secondigliano, feriti in agguato 5 minorenni

Nov 10th, 2008 | Categoria: news
Nella notte tra il 1° e il 2 novembre, a Secondigliano, periferia nord di Napoli, cinque ragazzi minorenni di età compresa tra i 12 e i 16 anni sono stati feriti a colpi di arma da fuoco mentre si trovavano all’interno del circolo ricreativo “Zanzi” di via Abate Desiderio. Il blitz è scattato poco prima della mezzanotte. Il gruppo di fuoco, composto da 3 o 4 uomini giunti a bordo di due motociclette con i volti coperti da caschi integrali, ha sparato circa 40 proiettili calibro 9×21. Gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi investigativa, ma è certo che il commando non avesse intenzione di uccidere, visto che i colpi sono stati sparati verso il basso e i feriti – che non sono gravi e sono stati giudicati guaribili nel giro di un mese – sono stati colpiti di rimbalzo. Al vaglio degli investigatori diverse ipotesi: un agguato di camorra maturato nell’ambiente dello spaccio della droga, oppure un’azione di criminalità comune, come ha sostenuto il dirigente del commissariato di Secondigliano Sergio Di Mauro subito dopo la sparatoria. I ragazzi feriti sono tutti incensurati, ma provengono da famiglie note alle forze dell’ordine. L’inchiesta è condotta dal pm della Dda di Napoli Paolo...


I quartieri generali della mala

Gen 10th, 2005 | Categoria: archivio articoli
Scampia e Secondigliano, zone off limits presidiate dai clan, capitali di spaccio di droga e delinquenza. Qui non succede nulla senza che il boss di turno ne sia informato. I cittadini tacciono, rassegnati. Qualcuno però si rimbocca le maniche… Camminare per Napoli a piedi è come percorrere le tappe di una via Crucis. Non c’è quartiere che non abbia la sua vittima innocente di Camorra o di una delinquenza senza senso. A Margellina è stato accoltellato Francesco Estatico, 18 anni. Era un sabato sera e pare che il sedicenne che lo ha ucciso, incensurato, garzone di bottega, abbia detto che aveva guardato con troppa insistenza la sua fidanzatina. In Corso Umberto, Claudio Taglialatela, 22 anni, ex ausiliario dei carabinieri, è stato ucciso per un cellulare. Il suo assassino, Arturo Raina, è stato poi trovato impiccato con un lenzuolo nella sua cella a Poggioreale. Paolino Avella morì cadendo dal motorino a San Sebastiano al Vesuvio, alla periferia di Napoli. Stava scappando dagli aggressori che volevano rubargli lo scooter. A Forcella è caduta Annalisa Durante, al Vomero Silvia Ruotolo. Gigi Sequino e Paolo Castaldi muoiono nel quartiere Pianura, freddati perchè scambiati per sicari di un clan opposto. Fabio de Pandi, 11 anni sta...