Articoli con tags ‘ Santi Zappalà ’


Processo “Reale bis”, confermate le condanne al clan Pelle di san Luca

Lug 6th, 2015 | Categoria: news
La corte d’Appello di Reggio Calabria ci riprova. Dopo che la Cassazione aveva annullato con rinvio alcune condanne del processo “Reale” contro le ‘famiglie’ di san Luca, sostenendo che il clan Pelle non esiste, i giudici di secondo grado reggini hanno nuovamente emesso un dispositivo nel quale si riconosce la cosca. Fatta eccezione per le due assoluzioni chieste e ottenute dalla stessa Procura generale per Antonio Pelle, di anni 29 anni, e Sebastiano Carbone, i giudici hanno confermato le accuse di mafia a carico degli imputati e ritoccato soltanto in minima parte le condanne inflitte nel precedenti processi agli uomini del clan Pelle, e ai politici che a loro si erano rivolti per ottenere sostegno elettorale per le Regionali del 2010. È il caso di Santi Zappalà, eletto nella fila del centrodestra e pizzicato dalle microspie a chiedere voti al boss Giuseppe Pelle. Il colpo di scena si era registrato lo scorso anno, quando la sentenza della Cassazione aveva annullato le condanne con rinvio ad altra corte, sostenendo che le prove a carico dell’esistenza dell’associazione mafiosa denominata “clan Pelle” non erano sufficienti. Una lettura che aveva scosso e non poco gli inquirenti convinti della bontà e della valanga di prove portate a sostegno...


Reggio Calabria, voto di scambio. Arrestato l’ex consigliere regionale Zappalà

Apr 29th, 2015 | Categoria: articoli, prima pagina
di redazione
I carabinieri del Ros e il Gico della Guardia di Finanza stanno eseguendo fin da questa mattina, a Reggio Calabria, un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque indagati per voto di scambio elettorale, politico mafioso. L’ordinanza è stata emessa su richiesta della Procura distrettuale antimafia reggina. Al centro delle indagini, i rapporti illeciti tra la cosca di ‘ndrangheta dei Pelle operante a San Luca, in provincia di Reggio Calabria e l’ex consigliere regionale Zappalà (nella foto). Zappalà era già stato arrestato nel dicembre del 2010, quando era consigliere regionale in carica, con l’accusa di corruzione elettorale mafiosa, reato per il quale è stato condannato in via definitiva a due anni e otto mesi di reclusione. Sorvegliato speciale ma attualmente in stato di libertà anche dopo la condanna definitiva per i fatti del 2010, dopo l’arresto di questa mattina è stato nuovamente condotto in carcere. Dall’indagine condotta dai carabinieri del Ros e dalla Guardia di finanza, con il coordinamento della Dda di Reggio Calabria, è emerso che Zappalà, per ottenere nel 2010 l’elezione nel Consiglio regionale della Calabria, avrebbe messo a disposizione dei Pelle ramo Gambazza di San Luca (Rc) e di altre cosche della ‘ndrangheta, complessivamente, 400 mila euro. Centomila...