Articoli con tags ‘ Sandro Ruotolo ’


Articolo 21 premia quattro giornalisti che si sono “distinti per le loro azioni di denuncia”

Mag 28th, 2015 | Categoria: brevi di mafia
Nell’ambito dell’assemblea nazionale di “Articolo 21” che si svolgerà questa sera – giovedì 28 maggio – alle 20, presso il Circolo Nettuno di Saxa Rubra (via di Quarto Peperino, 10) a Roma, i giornalisti Sandro Ruotolo, Enzo Palmesano, Federica Angeli e Chiara Cazzaniga riceveranno il “Premio Articolo21 per la libertà di informazione” In una nota del direttore Stefano Corradino e del portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti, si legge che la scelta è ricaduta su “quattro colleghi che si sono distinti per le loro azioni di denuncia del malaffare, della criminalità e per aver contribuito alla ricerca della verità su alcune pagine buie della nostra storia: Sandro Ruotolo, che di recente ha ricevuto minacce per un suo reportage; Federica Angeli, sotto scorta dal 2013 per le sue inchieste sulla mafia a Ostia; Enzo Palmesano, cacciato dal giornale «Il corriere di Caserta» per il quale collaborava, a seguito delle pressioni ricevute dalla camorra; Chiara Cazzaniga che ha realizzato un’intervista esclusiva sul caso Alpi”.


Sandro Ruotolo sotto scorta dopo essere stato minacciato dal boss Michele Zagaria

Mag 6th, 2015 | Categoria: prima pagina
di Marta Pellegrini
Anche Sandro Ruotolo sarà scortato. Il giornalista di “Servizio Pubblico”, su disposizione del Prefetto di Roma, Franco Gabrielli, da alcune ore è sotto la protezione dello Stato. La decisione è stata assunta a seguito di alcune intercettazioni in carcere nelle quale il boss dei casalesi, Michele Zagaria, affermava di volerlo morto. «‘O vogl’ squartat’ vivo», è la frase registrata che ha fatto scattare l’allarme degli inquirenti. Una frase ascoltata mentre il boss parlava con altri detenuti in regime di 41 bis. All’origine delle minacce un’intervista a Carmine Schiavone, nella quale emergevano i rapporti tra il boss campano e i servizi segreti tra il 2007 e il 2009, periodo nel quale Zagaria era latitante. A diffondere la notizia delle minacce e del provvedimento per la protezione di Ruotolo è stata la stessa trasmissione televisiva, che sul sito ha lanciato l’ashtag “#stoconsandro”. Il pool di magistrati impegnati contro la camorra, a Napoli, è al lavoro per chiarire la natura e la consistenza delle minacce. In cella il boss sembrerebbe aver dato segni di nervosismo e stress in relazione ad un presunto traffico di rifiuti. Ruotolo infatti stava lavorando a partire da alcune informazioni raccolte da Rosaria Capacchione (giornalista del «Mattino», oggi senatrice del Pd). In...


I (R)esistenti di Scampia

Lug 14th, 2010 | Categoria: recensioni
di Elena Ciccarello
Scampia Trip, un libro, un album e un documentario per raccontare il quartiere più raccontato d’Italia. Per la prima volta attraverso la voce di chi, ogni giorno, vive e resiste all’ombra delle Vele (altro…)