Articoli con tags ‘ Rosarno ’


Peppe Valarioti, ucciso due volte

Feb 15th, 2010 | Categoria: fuoricatalogo
di Elena Ciccarello
L’ex sindaco, Giuseppe Lavorato, avrebbe voluto assegnarlo a loro, il “premio Giuseppe Valarioti”. Ai migranti protagonisti della rivolta di Rosarno del 2008, come riconoscimento del loro coraggio. Per aver denunciato i loro aggressori, facendoli arrestare, mostrando una determinazione degna del ricordo del giovane politico ucciso. «Legare il nome di Peppe Valarioti anche alla lotta per la libertà e i diritti dei più poveri del mondo è un atto coerente con l’esempio della sua vita», aveva scritto Lavorato ai rappresentanti della Commissione straordinaria che governa il paese dal suo scioglimento per mafia. Ma non se ne fece nulla. Lavorato lo conosceva bene Valarioti. Era insieme a lui la sera in cui fu ucciso. Solo qualche passo indietro, quando l’amico cadde sotto il colpo di due fucilate a bruciapelo. Erano appena usciti dal ristorante La Pergola, dove avevano festeggiato la vittoria del Pci alle elezioni del giugno 1980 per il rinnovo dei consigli regionale e provinciale. Una serata d’allegria, per esorcizzare le tensioni di una difficilissima campagna elettorale, che non aveva risparmiato attentati e intimidazioni. Durante una notte i loro manifesti elettorali erano stati staccati dai muri e riaffissi alla rovescia, in segno di minaccia. «Se qualcuno pensa di intimidirci, sbaglia di grosso»,...


Il razzismo manovrato

Feb 10th, 2010 | Categoria: editoriali
Livio Pepino
Inutile usare perifrasi. Il razzismo è, nel nostro Paese, una realtà che ha ormai ampiamente superato il livello di guardia. Lo dimostrano, da ultimo, gli scontri di Rosarno e la realtà (di sfruttamento inimmaginabile, quando non di vera e propria schiavitù) che essi hanno portato alla luce ma, ancor più, le reazioni che vi hanno fatto seguito. La parola d’ordine più diffusa dopo i “disordini” di Rosarno è stata minimizzare. Ministri e leader della maggioranza e dell’opposizione sono corsi in loco facendo a gara nel deprecare, insieme, lo sfruttamento e la reazione da esso innescata (quasi fossero due fenomeni da mettere sullo stesso piano) e per “rassicurare” il Paese che i cittadini di Rosarno, i calabresi, gli italiani “non sono razzisti”. È questa immediata e acritica autoassoluzione la spia della gravità della situazione. Torna alla mente una vecchia e amara vignetta – forse, ancora una volta, di Altan – nella quale l’uomo simbolo del sentire diffuso esclamava: «Non sono io che sono razzista, sono loro che sono negri!». Lo schema è sempre lo stesso: negare e colpevolizzare. Partiamo dai fatti. Rosarno è solo la punta dell’iceberg. Nel Rapporto sul razzismo in Italia, curato da G. Naletto e pubblicato da Manifestolibri a...


Riace, l’immigrazione è di casa

Feb 10th, 2010 | Categoria: archivio articoli
Da dieci anni amministratori e cittadini di piccoli Comuni della Locride si impegnano per garantire l’integrazione degli immigrati che rientrano nel programma nazionale di asilo. Un percorso complesso che unisce solidarietà e diritti (altro…)


E noi dove eravamo?

Feb 10th, 2010 | Categoria: archivio articoli
di don Pino De Masi, referente Libera, Piana di Gioia Tauro
Quanto successo a Rosarno si è verificato nel ”silenzio-assenso” di tutti gli attori sociali. Lo stato era assente, ma anche società civile e mondo ecclesiale – che pure hanno supportato i braccianti in tutti questi anni – non hanno fatto abbastanza per denunciare (altro…)


Qualcosa si muove oltre gli aranceti

Feb 10th, 2010 | Categoria: archivio articoli
di Rocco Lentini
Agricoltura arretrata e nuovo caporalato sono utili, ma non sufficienti, per spiegare la follia della rivolta di Rosarno. Gli interessi industriali che insistono su quei territori potrebbero essere i veri motori della “cacciata dei niguri” (altro…)


Gli schiavisti? Un freno per l’economia

Feb 10th, 2010 | Categoria: archivio articoli
Intervista a Giovanni Anania di Marco Nebiolo
Le doglianze dei produttori di agrumi, che si dicono impossibilitati a reggere la concorrenza dei paesi stranieri; il silenzio-assenso delle istituzioni locali che hanno girato la testa dall’altra parte mentre le campagne si popolavano di schiavi; la necessità di riforme strutturali di un sistema agricolo che appare sempre meno competitivo sui mercati internazionali; i costi sociali di un’eventuale riforma (altro…)


Arcipelago Rosarno

Feb 10th, 2010 | Categoria: archivio articoli, articoli
di Donatella Loprieno, ricercatrice di Istituzioni di diritto pubblico, e Ercole Giap Parini ricercatore di Sociologia generale. Lavorano presso la facoltà di Scienze politiche dell’Università della Calabria
Degrado sociale, politico ed economico. Strategie d’integrazione insufficienti, illegalità diffusa, vecchie e nuove forme di caporalato. In un territorio controllato palmo a palmo dalle famiglie della ’ndrangheta. Ecco perché è esplosa la rivolta degli schiavi (altro…)


Sulle orme degli schiavi

Feb 1st, 2010 | Categoria: numeri arretrati
Narcomafie_2_2010 Un viaggio “sulle orme degli schiavi”: il dossier di febbraio di Narcomafie è un approfondimento a tutto campo per comprendere i retroscena della rivolta di Rosarno scoppiata tra il 7 e il 9 gennaio scorsi. Quale degrado sociale, politico ed economico ha determinato l’esplosione della rabbia di centinaia di lavoratori sfruttati e la messa a ferro e fuoco della cittadina calabrese? Quali le dinamiche in un territorio in cui “non cade foglia che la ‘ndrangheta non voglia”? Pochi sanno che in quell’area insistono interessi industriali, fino ad oggi rimasti nell’ombra, che potrebbero rivelarsi i veri motori della “cacciata dei neri”. Narcomafie li svela. (altro…)


Rosarno, xenofobia montata ad arte

Gen 10th, 2010 | Categoria: archivio articoli
di Angela De Lorenzo
I recenti scontri tra immigrati e cittadini calabresi sottendono ragioni che vanno al di là del razzismo chiamato in causa da più parti per giustificarne le dinamiche. Lo racconta chi è dovuto fuggire dai frutteti della Piana (altro…)


L’ombra delle mafie sul Lazio

Gen 1st, 2010 | Categoria: numeri arretrati
Narcomafie_1_2010 Il numero di gennaio di Narcomafie presenta un quadro aggiornato della penetrazione delle mafie nel Lazio. Un’analisi coraggiosa e inedita sullo spettro criminale che prolifera e investe indisturbato nella Regione: la “quinta mafia”, frutto di un mix esplosivo di mafie tradizionali, colletti bianchi, faccendieri e delinquenti locali. (altro…)