Articoli con tags ‘ Rita Atria ’


“Le donne del Sud” di Maria Pia Daniele, tra cronaca e mito

Gen 18th, 2017 | Categoria: prima pagina
di Stefania Bizzarri
«Nei luoghi che un tempo furono della Magna Grecia, dove il mito sopravvive alterato, deteriorato, nella carica violenta delle relazioni familiari retrive e nella crisi dei valori, una potente tradizione dura a morire si scontra con le regole della coscienza civile. Protagoniste le donne, depositarie dei disvalori e della mentalità patriarcale, o eroine del rinnovamento, volte al futuro e al rispetto delle regole della coscienza civile». Dirette e scabre, come il suo teatro, le parole di Maria Pia Daniele, autrice e regista impegnata in prima persona nel rilancio del Teatro di impegno civile, che ha nell’antimafia una delle colonne portanti. Il teatro di Maria Pia Daniele precorre i tempi e riesce da sempre a catturare gli spettatori per lo stile immediato e la prosa autentica e viva. Lo dimostra ancora una volta con La Trilogia sulle donne del Sud, tra cronaca e mito, edito da La Mongolfiera, con un’introduzione firmata dal genovese Francesco Cevasco. L’opera è la summa del suo percorso artistico: si tratta di  una raccolta, ben riuscita, di tre testi teatrali: Faide del 1987, Il mio giudice la prima Antigone contro la mafia del 1993 e il più recente Cattive madri. Narcomafie la segue da tempo, da quando insieme a Valter Malosti portò in...


Presentata la proposta di legge per i testimoni di giustizia

Lug 27th, 2015 | Categoria: brevi di mafia
Davide Mattiello, coordinatore del V Comitato dell’Antimafia che si occupa di testimoni, collaboratori e vittime di mafia, ha reso noto che è stata ultimata e consegnata alla presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, la proposta di legge per i testimoni di giustizia. Un lavoro che il parlamentare dedica a Rita Atria (nella foto), la testimone di giustizia di 17 anni, suicidatasi il 26 luglio 1992, ad una settimana di distanza dalla strage di via D’Amelio. La ragazza, figlia e sorella dei boss di Partanna, aveva iniziato a raccontare i traffici della famiglia proprio al giudice Borsellino; dopo la sua morte, Rita Atria ha visto sgretolarsi qualsiasi possibilità di continuare nel suo faticoso percorso. La proposta di legge è frutto della relazione approvata all’unanimità dalla Commissione Antimafia nell’ottobre del 2014. Saranno definiti in maniera più rigorosa i criteri di accesso alle misure speciali, saranno certi i tempi e le modalità di uscita dalle misure speciali, le quali dovranno essere create ad hoc per chi vive in questa condizione. Per questo motivo, ha spiegato Mattiello, si propone, tra l’altro, «di istituire la figura del referente per il testimone e il Comitato di sostegno, strumenti per prevenire il più possibile contenziosi amministrativi tra testimoni...


Solidarietà a Nadia Furnari

Dic 10th, 2012 | Categoria: articoli
Esprimiamo tutto il nostro sostegno a Nadia Furnari, fondatrice e anima dell’Associazione Antimafie Rita Atria e da tantissimi anni punto di riferimento dell’intera associazione e di tantissime altre persone impegnate nell’antimafia sociale. Il 13 dicembre prossimo Nadia dovrà comparire in Corte d’Appello di Messina per la chiamata in giudizio promossa dall’ex Prefetto di Messina, Stefano Scammacca, contro l’Avvocato Repici che, in due lettere rivolte al Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2007, denunciava fatti e circostanze che coinvolgevano lo stesso ex prefetto. Nadia Furnari è stata citata nel procedimento per una richiesta di risarcimento danni, in quanto accusata di essere, attraverso il sito www.ritaatria.it, l’organo divulgatore delle lettere. C’è già stato un primo grado di giudizio, nel quale il Tribunale ha respinto la richiesta di risarcimento sia nei confronti di Repici sia nei confronti di Nadia sul presupposto che la pubblicazione delle lettere costituisca legittimo diritto di cronaca. Auspichiamo e chiediamo, da cittadini che hanno a cuore la lotta contro le mafie e chi ne è protagonista, e da persone che in questi anni hanno conosciuto, apprezzato, stimato e condiviso l’impegno di Nadia, che la richiesta venga nuovamente respinta, cosi’ come già accaduto in primo grado. La sua unica colpa è...


“Orme”, aperte le iscrizioni ai corsi teatrali

Set 22nd, 2011 | Categoria: news
Prende il nome da una frase di Danilo Dolci – Ciascuno cresce solo se sognato – il corso di formazione 2011-2012 promosso da “Orme”, l’associazione di promozione culturale per il teatro di impegno civile. Nata dall’unione dell’esperienza formativa della compagnia Viartisti Teatro con l’esperienza pedagogica e di lavoro dell’associazione “Acmos”, l’associazione “Orme” porta in scena i propri allievi nell’ambito delle iniziative inserite nel cartellone di Teatrimpegnocivile, ma anche nel corso di eventi promossi dalla stessa “Acmos” e dall’associazione “Libera”. A proposito di quest’ultima, sono stati proprio loro ad animare alcuni incontri del secondo raduno nazionale dei giovani che si è svolto in concomitanza con la Festa Nazionale di Libera a Firenze: martedì 26 luglio 2011 i ragazzi che avevano partecipato alla settimana formativa a Scandicci hanno portato in scena uno spettacolo per le vie di Scandicci, facendo proprie alcune frasi di Danilo Dolci. Gli attori dell’associazione “Orme” si erano poi esibiti sulla piazza principale di Scandicci nello spettacolo teatrale “Picciridda” dedicato a Rita Atria, di cui ricorreva quel giorno il 19esimo anniversario di morte. Per quanto riguarda l’anno 2011-2012, i corsi inizieranno giovedì 20 ottobre presso la Fabbrica delle “e” di Corso Trapani 91/b a Torino: sarà possibile scegliere se partecipare...


Franco La Torre: “I beni confiscati offrono lavoro onesto”

Lug 26th, 2011 | Categoria: articoli, prima pagina
di Marika Demaria
Saranno due spettacoli teatrali – il primo messo in scena dai ragazzi del secondo Raduno di Libera, l’altro, “Picciridda” in memoria di Rita Atria (di cui oggi ricorre il 19esimo anniversario della morte) scritto e diretto da Petra Selva Nicolicchia – a chiudere Festa in Libera, con le conclusioni affidate al presidente dell’associazione antimafia, Luigi Ciotti. Da ieri, lunedì, la manifestazione si è trasferita a Scandicci, nella zona sportiva che per quasi una settimana ha ospitato le attività dei giovani under 35 del Raduno. Gli appuntamenti odierni inizieranno alle 16 con un dibattito sul tema “La guerra delle mafie e la mafia delle guerre”: presenti come relatori Flavio Lotti della Tavola della Pace,  il giornalista Emanuele Giordana e Francesco Vignarca del coordinamento campagna  Disarmo. Alle 17.30 il giornalista Maurizio Torrealta presenterà il suo libro “Quarto livello” e infine si terrà un dibattito incentrato sull’educazione oggi alla cittadinanza attiva. La mattinata di ieri, lunedì 25, ha invece assunto una dimensione anche internazionale grazie alla presenza di Tonio Dell’Olio, responsabile di Libera internazionale, di Roberto Ceschina di Flare e del vice presidente del Gruppo Abele, Leopoldo Grosso, hanno focalizzato l’attenzione sull’importanza di costruire un movimento antimafia che sia nonviolento e che tenga in...


Parte da Torino la carovana “memoria e impegno”

Lug 25th, 2010 | Categoria: archivio articoli, articoli
Dopo il primo raduno dei Giovani di Libera tenutosi a Cascina Arzilla – bene confiscato a Volvera (To) -, che ha ospitato più di 150 ragazzi provenienti da tutta Italia, parte sabato da Torino la carovana di “memoria e impegno”. Memoria per ricordare le vittime della mafia e per non abbandonare i testimoni di giustizia. Impegno verso la valorizzazione dei beni confiscati e la loro restituzione alla società, lungo il versante della lotta civile alle cosche. La carovana, patrocinata dal Consiglio Provinciale di Torino, vedrà più di 20 ragazzi da tutta Italia affrontare un viaggio a bordo di minibus e auto che partendo da Torino raggiungerà Roma, Latina, Milazzo, Polistena, Isola Capo Rizzuto e Castel Volturno, per un totale di oltre 3000 km in 5 giorni. La carovana prenderà il via da Cascina Caccia, bene confiscato a San Sebastiano da Po nei pressi di Torino e dedicata al procuratore ucciso dalla ‘ndrangheta nel 1983 , passerà poi da Roma per ricordare la diciassettenne testimone di giustizia Rita Atria che si tolse la vita dopo la strage di via D’Amelio e la morte di Paolo Borsellino. Da Roma si dirigerà a Milazzo, poi Polistena e Isola Capo Rizzuto, comune recentemente colpito...


Per non dimenticare

Apr 30th, 2008 | Categoria: archivio articoli
  «L’amici di la mafia su’ certuni all’apparenza nobili pirsuni, divoti di la fidi e di li santi cu funzioni e ’ncarichi ’mpurtanti, ed hannu a Roma – evviva a capitali! – sede fissa e quartiere generale». Questi i versi del prologo al “Requiem per voci, samples e piccola banda jazz”, dedicato alla memoria di Rita Atria  e diretto da Valter Malosti e Furio di Castri. Lo spettacolo teatrale, organizzato da Libera, Regione Piemonte e città di Torino, ha debuttato al Piccolo Regio “Giacomo Puccini” di Torino lo scorso 21 marzo, in occasione della “Iª Giornata regionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”, istituita dalla Regione Piemonte con la legge n. 14 del 18 giugno 2007. Una scelta “quasi” obbligata quella di aprire con la Cantata cuntru la mafia di Ignazio Buttita. Il celebre poeta siciliano dedicò il componimento «ai cinquanta sindacalisti, ai politici, ai magistrati e a tutti gli uccisi dalla mafia». Era il 1961. Prima dell’istituzione della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla mafia, avvenuta l’anno seguente; prima  della stage di Ciaculli (1963). «Oggi  celebriamo la memoria di tutte le vittime delle mafie – spiega Malosti – aprendo il Requiem con un poeta in grado di parlare...