Articoli con tags ‘ Pci ’


Pio La Torre, una vita per la libertà

Apr 29th, 2016 | Categoria: prima pagina
di Giulia Panepinto
Nato (nel 1927) e cresciuto in una famiglia di contadini ad Altarello di Baida, fra le campagne palermitane, Pio La Torre fin da adolescente inciampa nelle prepotenze dei mafiosi. Diciottenne si iscrive al Partito Comunista Italiano. Segue il consiglio della madre, affianca all’impegno politico lo studio per poter condurre una vita libera dalla miseria e dall’ignoranza. Le lotte contadine. In quegli anni l’Italia contadina è interessata da una fase di negoziazione lunga e difficile: l’attuazione dei Decreti Gullo, attraverso i quali le terre incolte o mal coltivate dei proprietari vengono concesse per diritto alle cooperative contadine. Ma questi provvedimenti sono considerati privi di legittimità dagli agrari. Inizia così un duro braccio di ferro fra le parti. L’idea di giustizia sociale fermenta nella mente del giovane La Torre che in poco tempo diventa uno dei portavoce delle rivendicazioni contadine palermitane. Ricopre gli incarichi come funzionario di Federterra, responsabile giovanile della Cgil e responsabile della Commissione Giovanile del Pci. Per frenare quella crescente mobilitazione, ogni volta sempre più organizzata, la mafia uccide molti sindacalisti che di quel movimento capiscono i bisogni e ne favoriscono l’affermazione socio-politica. Placido Rizzotto, segretario della Camera del Lavoro di Corleone è fra questi. Dopo il suo rapimento e omicidio, Pio La...


Un delitto impunito

Ago 15th, 2010 | Categoria: archivio articoli, articoli
di Rocco Lentini
Trent’anni fa moriva, assassinato dalla ’ndrangheta, Giuseppe Valarioti, trentenne impegnato nel sociale e nella politica. I depistaggi e le manovre che hanno vanificato due processi rendono necessaria la riapertura delle indagini sull’omicidio (altro…)


L’appello dell’Istituto “U. Arcuri” per riaprire il caso Valarioti

Ago 4th, 2010 | Categoria: documenti
L’istituto “U. Arcuri” per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia contemporanea con sede in provincia di Reggio Calabria ha, in occasione del trentennale della morte di Giuseppe Valarioti, lanciato un appello a istituzioni e magistratura (altro…)


Il padre del 416 bis

Apr 30th, 2007 | Categoria: archivio articoli
Il 30 aprile del 1982, sotto i colpi di Cosa Nostra, moriva Pio La Torre, storica figura dell’antimafia civile e politica, autore di vere e proprie rivoluzioni legislative. Una vita straordinaria ma poco conosciuta, interamente vissuta da protagonista nella battaglia per il riscatto della Sicilia La vicenda di Pio La Torre non rappresenta solo un fatto di cronaca. È qualcosa di più. Travalica la cronaca. Investe la società siciliana, sconvolge il Pci, travolge la politica nazionale ed entra di prepotenza nella Storia del nostro Paese. La Torre è stato vittima innocente della mafia, ma prima di tutto è stato un uomo politico e, a conoscerne la storia, a leggerne i discorsi e i saggi, a vederne le fotografie – da quelle di quando viene arrestato a Bisacquino (Pa) per l’occupazione delle terre, a quelle che lo ritraggono sul tavolo dell’obitorio – viene da chiedersi, anche a distanza di 25 anni, cosa ci sia stato dietro la sua uccisione.  Anni Ottanta: uno scenario violento. Sotto il profilo legale il “caso La Torre” è risolto. Ci sono gli esecutori materiali, i mandanti, condannati in tutti i gradi di giudizio. Ma per capire bene bisogna conoscere l’uomo La Torre, spostare l’obbiettivo sullo scenario e il...