Articoli con tags ‘ Patrizia Messina Denaro ’


Condannata a 13 anni la sorella di Matteo Messina Denaro

Apr 2nd, 2015 | Categoria: news
Patrizia Messina Denaro e Francesco Guttadauro, rispettivamente sorella e nipote del boss latitante di Castelvetrano, sono stati condannati rispettivamente a 13 e 16 anni di reclusione per associazione mafiosa e tentata estorsione. La donna è stata inoltre condannata per estorsione ma assolta da una seconda accusa per il medesimo reato. Secondo i pm Paolo Guido e Carlo Marzella, Patrizia Messina Denaro gestiva l’organizzazione facendo di fatto le veci del marito detenuto. La condanna è stata emessa ieri, mercoledì 1 aprile, dal tribunale di Marsala presieduto da Gioacchino Natoli, a seguito dell’operazione “Eden” del dicembre 2013 svolta dalla Dia e dai corpi di Polizia e dei Carabinieri di Palermo. In aula anche altri tre imputati: l’imprenditore Vincenzo Torino, condannato a tre anni per intestazione fittizia di beni (aggravata), Antonino Lo Suto (accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso) e Girolamo La Cascia (accusato di favoreggiamento), entrambi assolti.


Processo al clan Messina Denaro, l’arringa dell’associazione Libera

Mar 18th, 2015 | Categoria: articoli, prima pagina
di Rino Giacalone
“È stata raggiunta la piena prova che i sodali della famiglia mafiosa di Castelvetrano esercitavano un penetrante controllo del territorio con i classici metodi mafiosi che consentiva loro di condizionare  l’intero sistema economico del comprensorio trapanese e non solo”. È netta la conclusione che dinanzi al Tribunale di Marsala è stata offerta dagli avvocati della difesa di parte civile Enza Rando e Domenico Grassa, rappresentanti Libera nel processo che vede alla sbarra il gruppo più vicino al mafioso latitante Matteo Messina Denaro. È toccato in particolare all’avvocato Grassa tenere l’arringa, e il dito puntato contro il clan dei Messina Denaro non è stato solo quello degli avvocati ma quello di una intera associazione – Libera per l’appunto –  che con i suoi rappresentanti sempre presenti in aula ha voluto marcare la distanza tra la società civile e il gruppo di malavitosi tifosi del boss. Principale imputata del processo è Patrizia Messina Denaro, la sorella del capo mafia latitante, figlia di capo mafia, il fu don Ciccio Messina Denaro, il “padrino” con il bisturi come veniva appellato, moglie di mafioso, Vincenzo Panicola, in carcere già da tempo. Patrizia Messina Denaro, soprannominata “a curta”, durante il dibattimento ha voluto far sentire la sua voce,...