Articoli con tags ‘ Mare Nostrum ’


I “pinocchi” istituzionali sulla sicurezza

Dic 10th, 2014 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Due settimane fa, il presidente Renzi, in conferenza stampa con il presidente egiziano Al-Sisi, in visita ufficiale a Roma, parlando, tra l’altro, dell’immigrazione, indicava in circa 150mila gli stranieri sbarcati in Italia nel 2014, ricevendo, sul dato, un cenno di conferma dal ministro Alfano presente nella sala. In realtà, a quella data, il numero reale di migranti aveva già superato quota 160mila (alla data  oltre 166mila). Un paio di giorni dopo, da un’indagine di ConfCommercio-Gfk Eurisko su alcuni fenomeni criminali riguardanti la categoria, emergeva l’aumento dei delitti denunciati di estorsione e di usura nel periodo 2007-2013. Il ministro Alfano, intervenendo al convegno di presentazione in occasione della giornata intitolata “Legalità, mi piace”, parlava, invece, di un calo, negli ultimi dodici mesi, sia delle estorsioni (-15%) che dell’usura (-28,5%). Non sappiamo quali dati abbia avuto Alfano e da chi, ma sappiamo per certo che i dati del (suo) ministero dell’Interno indicano un chiaro aumento delle estorsioni denunciate (dalle 6.099 del 2011, alle 6.884 del 2013, alle 5.385 del 2014, al 30 settembre, dato non consolidato e, quindi, in aumento)  e  del delitto di usura (352 nel 2011, 405 nel 2012, 460 nel 2013 e 267 nel 2014, al 30 settembre). Aumenti...


Hermes, Aeneas, Poseidon, Triton, il “carosello olimpico” di Frontex

Set 15th, 2014 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Sarà perché non mi hanno mai particolarmente affascinato gli dei e i miti dell’antica Grecia che, oggi, sento di avere molte diffidenze su queste operazioni in mare, coordinate dall’agenzia europea Frontex, intestate tutte ad antiche figure mitologiche: Hermes, Poseidon, Aeneas  e Tritone (il messaggero del mare). Diffidenza aumentata dopo gli eventi delle ultime settimane, con cui si sta tentando di “uscire” dalla nobile operazione di Mare Nostrum, condotta dalla nostra Marina Militare che ha salvato decine di migliaia di migranti-profughi, per rimpiazzarla con una di Frontex (dicono meno costosa, magari rinforzata, tanto da averla indicata, più volte, come una “frontex plus” che ricorda più un medicinale che altro, ma negli ultimissimi giorni si è più propensi a indicarla come Tritone). In attesa di capirne di più, soprattutto dopo che saranno state limate le diversità di opinioni e le valutazioni dei diversi soggetti in campo (italiani ed europei) proviamo a riepilogare cosa sta accadendo nel Mediterraneo, dove continuano, senza sosta, i soccorsi e non accenna affatto a diminuire il flusso migratorio proveniente dalla Libia (circa 125mila le persone sbarcate sulle nostre coste alla data del 14 settembre). L’operazione Hermes, iniziata il primo maggio 2014, doveva terminare il 30 settembre, ma, quasi...


Quanti migranti moriranno quando terminerà Mare Nostrum?

Ago 25th, 2014 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Leggendo le crudeli statistiche, aggiornate dal ministero dell’Interno, sulle “persone decedute o giunte cadavere in occasione di sbarchi”, non si può non pensare agli ulteriori drammatici eventi che torneranno a verificarsi in mare quando terminerà l’operazione Mare Nostrum, che ha consentito, in dieci mesi, di soccorrere e salvare decine di migliaia di migranti. La decisione politica è già presa e si attende solo il piano tecnico (in fase di elaborazione nel sonnacchioso mese di agosto) che consenta, gradualmente, il passaggio verso un nuovo “sistema operativo”, indicato già come “Frontex plus”, a sottolinearne la valenza europea e la direzione che verrà assunta dall’agenzia, indicata, qualche anno fa, come un “eurocarrozzone”, di scarsa utilità nel controllo delle frontiere esterne dell’UE. Accennavo ai bollettini dei “morti ufficiali” in mare: ebbene, dal 2002 ad oggi, sono stati 878, ai quali andrebbero sommati quelli (alcune migliaia secondo le testimonianze di persone soccorse) di cui non risulta alcuna evidenza ufficiale. Dopo il 2013, anno con il picco di 416 migranti annegati (di cui ben 367 nel mese di ottobre a Lampedusa), il 2014 è l’anno in cui si è registrato il maggior numero di cadaveri recuperati (118 di cui 45, a giugno, a Pozzallo). Parliamo ancora di...


L’immigrazione tra le priorità dell’UE

Giu 26th, 2014 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Nell’incontro previsto in settimana a Ypres-Bruxelles, tra le priorità politiche dell’Unione Europea ci sarà anche quella sull’immigrazione, tema particolarmente a cuore del nostro paese. Questa apertura è contenuta nel documento “Strategic Agenda for the Union in Times of Ghange”, in cui si richiama, tra l’altro, “solidarietà e responsabilità”  a livello europeo nella gestione dei confini esterni. Sembrerebbe, quindi, (il condizionale è d’obbligo) che ci possa essere, alla fine, quella auspicata e concreta attenzione che stiamo invocando da molto tempo ai flussi migratori provenienti dalle coste africane e che stanno interessando in modo sempre più consistente la Sicilia ma anche la Calabria e la Puglia. Alla data odierna, i 375 eventi di sbarco registrati dal primo gennaio 2014, hanno portato a 59.526 i migranti-profughi soccorsi e sbarcati. In tutto il 2013, ricordiamolo, furono 42.925 e nel 2012 se ne contarono 13.267. Il picco degli sbarchi si ebbe nel 2011, anno delle rivolte in diversi paesi africani, con 62.692 persone. Mentre scriviamo, a bordo delle navi della nostra Marina Militare impegnati nella Operazione Mare Nostrum (che speriamo prosegua) sono presenti ancora 300 migranti. È di tutta evidenza che a fine anno, se la situazione non muterà (e non si vede uno spiraglio...