Articoli con tags ‘ Mancuso ’


Riciclaggio, 10 arresti in varie regioni italiane

Lug 29th, 2011 | Categoria: news
Il gip del tribunale di Catanzaro, su richiesta della procura distrettuale antimafia, ha emanato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, che i carabinieri stanno eseguendo in diverse regioni d’Italia (Calabria, Lazio, Umbria, Liguria ed Emilia Romagna), nei confronti di dieci persone legate alla cosca Mancuso, operante nella provincia di Vibo Valentia, accusate a vario titolo di riciclaggio e reimpiego del denaro proveniente dal narcotraffico. L’azione investigativa, grazie anche alla stretta collaborazione delle autorità di San Marino, ha accertato i “consistenti rapporti bancari” tra esponenti della cosca e un istituto di credito della Repubblica. Da precedenti indagini sulla cosca Mancuso, sostiene il Ros, erano emersi gli “enormi interessi” dell’organizzazione nel narcotraffico internazionale, allora gestito da Vincenzo Barbieri, esponente di spicco della cosca ucciso in un agguato a San Calogero nel marzo scorso. L’inchiesta, compiuta dopo l’omicidio, ha consentito la ricostruzione dell’intricato percorso che la cosca adoperava per riciclare e reimpiegare il denaro ottenuto con il narcotraffico.


Zio ‘ntoni e i beni sequestrati

Giu 16th, 2011 | Categoria: news
Ad Antonio Mancuso, alias “zio ‘ntoni”, sorvegliato speciale e considerato dagli inquirenti uno dei capi carismatici della cosca Mancuso di Limbadi (Vibo Valentia), la Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha sequestrato beni mobili ed immobili per un valore complessivo di oltre 6 milioni di euro. Il provvedimento di sequestro, su proposta formulata dal direttore della Dia, generale dei carabinieri Antonio Girone, è stato adottato dal Tribunale di Vibo Valentia, sezione misure di prevenzione, ai sensi della normativa antimafia, e ha interessato 73 appezzamenti di terreno e 6 fabbricati, situati nella nota località turistica di Nicotera, ma anche diversi rapporti bancari e il compendio di un’azienda agricola, intestata alla moglie. Le indagini, infatti, hanno fatto emergere una sproporzione tra i redditi dichiarati e le attività economiche espletate. Il rapporto descrive il Mancuso come “un personaggio ben inserito negli ambienti criminali operanti nella provincia di Vibo Valentia, dove è ritenuto un elemento verticistico e risulterebbe tra i personaggi più carismatici della cosca Mancuso di Limbadi i cui interessi, com’è noto, sono rivolti anche verso altre regioni d’Italia e persino all’estero. Numerosi risultano essere i precedenti a suo carico per reati gravi contro la persona e il patrimonio, in particolare nel 2003 (processo Genesi)...