Articoli con tags ‘ Lillo Zucchetto ’


La mia famiglia, mio fratello. E quell’atroce 28 luglio 1985

Lug 28th, 2015 | Categoria: prima pagina
di Dario Montana
La nostra è stata una famiglia felice, fino a quel maledetto 28 luglio del 1985. Una famiglia borghese. Papà era un direttore del Banco di Sicilia; mia madre, innamoratissima di lui, era una casalinga; poi c’eravamo noi tre fratelli: Beppe, Gigi ed io, Dario. Tra mio padre e Beppe c’era un legame speciale. Papà non lo diceva, ma era orgogliosissimo di suo figlio. Il loro rapporto è stato caratterizzato da tanti scontri e tanto amore, come avviene in molte famiglie: dai conflitti generazionali degli anni giovanili si passa ad un confronto sempre più paritario, fatto di complicità, di richieste di consigli, di condivisione di esperienze. Mio fratello era un uomo felice, non avrebbe mai accettato dalla vita un mestiere diverso. L’investigazione era la sua passione, oltre che la sua professione. Beppe era arrivato a Palermo –subito dopo aver concluso il corso per vice commissario all’Istituto Superiore di Polizia –  nel settembre del 1982, in un clima caratterizzato dall’ennesima “emergenza” dettata dall’omicidio del prefetto Carlo Alberto dalla Chiesa, della sua seconda moglie Emmanuela Setti Carraro e dell’agente di scorta Domenico Russo. Tre anni sono stati sufficienti perché Cosa nostra ritenesse necessario e improcrastinabile il suo omicidio: quel poliziotto innamorato della giustizia, non a mezzo servizio,...