Articoli con tags ‘ Lella Costa ’


Torino, Salone del Libro: vent’anni di Libera nel libro “Cento passi verso un’altra Italia”

Mag 15th, 2015 | Categoria: news
  Venti anni di storia d’Italia, raccontati all’indomani delle stragi del 1992 e del 1993. Venti anni del nostro Paese raccontati attraverso i volti, i nomi, gli occhi, le storie, gli sguardi di chi, da quel biennio stragista in avanti, ha deciso di “non commuoversi solamente, ma di muoversi”. Così don Luigi Ciotti, presidente di Libera, ha esortato le centinaia di persone che ieri, giovedì 14, hanno partecipato alla presentazione del libro “Cento passi verso un’altra Italia” (edizioni Piemme) nella sala gialla del Salone internazionale del Libro.  Un impegno che per il “prete di strada” è iniziato ben prima degli anni 90, come ha ricordato lui stesso: la nascita del Gruppo Abele – il 25 dicembre 1965 – per stare accanto agli ultimi, agli emarginati, ai tossicodipendenti, ai malati di Aids; la nascita – nel 1993 – della rivista «Narcomafie», ponte tra il Gruppo Abele e Libera, che nascerà ufficialmente il 25 marzo 1995. “Ero in Sicilia – ha ricordato don Luigi Ciotti – sia il 23 maggio 1992 sia il 19 luglio 1992; anzi, due mesi prima della strage di Capaci ero a Gorizia con Giovanni Falcone, per prendere parte ad un convegno sulle dipendenze. Ero lì, dunque, in quelle...


L’Italia dell’antimafia e del rinnovato impegno in ricordo delle vittime

Mar 14th, 2012 | Categoria: articoli, prima pagina
di Marika Demaria
«Nel primo anniversario della strage di Capaci, mi si avvicinò una donna, in lacrime. Mi chiese perché il nome di suo figlio non veniva mai ricordato. Suo figlio era Antonio Montinaro, caposcorta di Giovanni Falcone, anch’egli morto il 23 maggio 1992. In quel momento ho capito, abbiamo capito perché ero con altri amici ed è sempre il noi che vince, che avremmo dovuto fare qualcosa di concreto per ricordare questi avvenimenti e che avremmo dovuto trasformare questa memoria in impegno». Così don Luigi Ciotti racconta la genesi della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie, che si svolgerà a Genova il 17 marzo. «Non si tratta di un corteo, di una manifestazione o di un evento: è l’abbraccio che cittadini responsabili che hanno deciso da che parte stare e che provengono da tutta Italia, daranno ai famigliari delle vittime delle mafie, presenti con una delegazione di oltre 500 persone». Lo slogan “Genova Porta d’Europa” accompagnerà la giornata, giunta alla sua XVII edizione, promossa dall’associazione Libera e Avviso Pubblico. «Saremo a Genova – ha puntualizzato don Ciotti – per continuare a gridare che le mafie sono un problema che attraversa tutta l’Italia. Io mi stupisco di chi...