Articoli con tags ‘ incendio doloso ’


Ventimiglia: in fiamme l’auto di Marco Prestileo, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa

Apr 17th, 2014 | Categoria: news
Ventimiglia, lungomare Varaldo: questa mattina, intorno alle tre, la Volkswagen Polo di Marco Prestileo (nella foto), ex City Manager del Comune di Ventimiglia, è andata completamente distrutta a seguito di un rogo. Sul luogo sono intervenuti i Vigili del Fuoco e la Polizia: quasi certa la natura dolosa dell’incendio.Prestileo, considerato il braccio destro dell’ex sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino, è come lui  indagato per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito del procedimento “La svolta”, contro la ‘ndrangheta nel ponente ligure. Proprio ieri, 16 aprile, si è svolta l’udienza del processo nel corso della quale ha testimoniato lo stesso Marco Prestileo; durante la sua deposizione, l’ex City Manager ha riferito circa le società Civitas e Marvon. La prima era al centro dell’inchiesta che portò allo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Ventimiglia e che, lo scorso 11 dicembre, è stata messa in liquidazione; la seconda è stata indicata dagli inquirenti come appartenente a soggetti riconducibili alla criminalità organizzata. Già nel 2009 l’auto – attualmente posta sotto sequestro – di Prestileo era stata colpita con diversi colpi di arma da fuoco.


Incendio alla pizzeria Impastato. La perizia: “Si tratta di dolo”

Dic 30th, 2011 | Categoria: news
La procura di Palermo ha deciso di aprire un’inchiesta – curata dal sostituto procuratore Ennio Petrigni –  per incendio doloso a carico di ignoti, circa l’episodio riguardante l’incendio che nella notte tra l’8 e il 9 dicembre si è verificato nei locali della pizzeria (situata a cinque km dal centro abitato di Cinisi) di proprietà di Giovanni Impastato, fratello del giornalista ucciso dalla mafia la notte del 9 maggio 1978. È lo stesso Impastato a rafforzare la tesi dell’incendio appiccato intenzionalmente, spiegando che «le sedie e i tavoli del locale sono stati accatastati nel punto di innesco per alimentare le fiamme, così come l’allineamento nei pressi del rogo di tre bombole vuote, allo scopo di provocare una vera e propria esplosione che avrebbe distrutto il locale o quanto meno avrebbe potuto provocare danni irreparabili». Negli ultimi quattro mesi, si sono verificati altri due incendi, che hanno interessato l’uno le zone attigue alla pizzeria e l’altro un furgone appartenuto a Salvatore Rugnetta (arrestato a novembre perché considerato contiguo all’ambiente mafioso e coinvolto in un traffico di stupefacenti) e parcheggiato nei pressi della pizzeria. Vicende che sono state rese note nel corso di una conferenza stampa tenutasi ieri, 29 dicembre, al Centro siciliano...


Vibonese, in fiamme l’auto del prete antimafia don Tonino Vattiata

Giu 20th, 2011 | Categoria: news
Non si arrestano gli atti criminali nella provincia calabrese di Vibo Valentia. Dopo l’incendio che ha bruciato l’auto di Giuseppe Vita, consigliere comunale tra le fila del Pd, un altro rogo ha interessato il Vibonese. Questa notte le fiamme hanno infatti avvolto l’Opel Corsa (nella foto) di Don Tonino Vattiata (nel riquadro in basso a sinistra), giovane prete che da anni nella lotta alle mafie si spende sul territorio. Il parroco di Pannaconi di Cessaniti nel Vibonese era già stato raggiunto da alcune intimidazioni verbali, con le quali gli si consigliava di “farsi da parte”: lui ha sempre risposto con coraggio, proseguendo la propria attività di denuncia su un territorio devastato dalla presenza della ‘ndrangheta. Don Tonino Vattiata è anche membro del coordinamento di Libera Vibo Valentia, il cui referente provinciale è don Giuseppe Fiorillo, che esprime «una condanna forte e severa contro un episodio che reputo vigliacco». Il coordinamento tutto si stringe intorno a don Tonino Vattiata, affidando ad un comunicato stampa parole di solidarietà e vicinanza e sottolineando che «è giunto il tempo di decidere veramente da che parte stare, senza se e senza ma; cosa vogliamo fare del nostro territorio, della nostra provincia, cosa vogliamo dare ai...