Articoli con tags ‘ Giuseppe Pignatone ’


Calabria: sono loro gli attentatori?

Ott 21st, 2010 | Categoria: news
Sembrerebbe lui, Antonio Cortese, ufficialmente commerciante di frutta e verdura, il costruttore dei due ordigni fatti esplodere, nell’ordine, il 3 gennaio, sotto la Procura generale di Reggio Calabria, poi il 26 agosto, sotto l’abitazione del Procuratore generale Salvatore Di Landro. Lui, l’incaricato di tenere in ordine esplosivo ed armi, tra cui il bazooka ritrovato nei pressi della Procura il 5 ottobre scorso. Lui, l’esecutore materiale di tutte le intimidazioni ai magistrati. Cortese è stato arrestato ieri alla frontiera tra Italia e Slovenia, mentre viaggiava su un pullman di linea proveniente dalla Romania. Il suo nome è stato indicato dal boss Antonino Lo Giudice, arrestato lo scorso 7 ottobre con l’accusa di essere a capo dell’omonima cosca (il fratello Luciano era stato arrestato nell’ottobre 2009, con l’accusa di trasferimento fraudolento di valori). Un comportamento anomalo, quello di Antonino Lo Giudice che, pur essendo boss di una mafia, la ‘ndrangheta, che ha pochi pentiti, ha deciso di collaborare con la giustizia nel breve giro di una settimana, accusandosi di essere l’organizzatore degli attentati. “Gli arresti di Lo Giudice e di Cortese aprono uno squarcio” ha dichiarato ieri il questore di Reggio Calabria, Carmelo Casabona, durante la conferenza stampa “quel quadro che all’inizio sembrava...


Alta tensione

Ott 15th, 2010 | Categoria: archivio articoli, prima pagina
di Francesca Chirico
L’ultimo avvertimento è del 5 ottobre: un bazooka per il procuratore capo Giuseppe Pignatone, fatto ritrovare a pochi metri dalla sede della Dda. La lista delle intimidazioni in Calabria si allunga. Ma i magistrati commentano: “Non ci fermeranno” (altro…)


Tra una settimana l’esercito a Reggio Calabria

Ott 11th, 2010 | Categoria: news
Come preannunciato dal Prefetto Luigi Varatta, i tempi sono stati rapidi e già da lunedì prossimo, 18 ottobre, si potranno vedere i militari a Reggio Calabria impiegati per la vigilanza degli uffici della Procura della Repubblica e della Procura generale. Lo si apprende dalla Prefettura reggina. L’iniziativa ha uno scopo preventivo e di controllo continuativo dopo l’intimidazione compiuta il 5 ottobre scorso con il ritrovamento di un bazooka davanti la sede della Procura della Repubblica in seguito ad una telefonata anonima al 113 in cui si rivolgevano minacce al Procuratore Giuseppe Pignatone. Nell’operazione saranno impiegati circa 80 militari appartenenti alla Brigata Aosta. L’impiego dell’esercito a Raggio rientra nell’operazione «Strade sicure» che è già in atto su tutto il territorio nazionale. Nel corso di una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocata dal prefetto Luigi Varratta per giovedì prossimo, 14 ottobre, sarà valutato se il presidio da parte dei militari, oltre che negli uffici della Procura della Repubblica e della Procura generale, debba essere esteso anche all’abitazione del Procuratore Generale Salvatore Di Landro, davanti al quale il 26 agosto scorso è stata fatta esplodere una bomba.


Richiesto l’esercito a Reggio Calabria

Ott 6th, 2010 | Categoria: news
A Reggio Calabria potrebbe essere inviato l’esercito al fine di presidiare gli edifici della Procura della Repubblica e della Procura Generale, questo almeno secondo le dichiarazioni del prefetto Luigi Varratta giunte al termine della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Al Comitato hanno preso parte anche il procuratore generale Salvatore Di Landro e il procuratore Giuseppe Pignatone che proprio ieri è stato oggetto di un’intimidazione da parte della ‘Ndrangheta: un bazooka è stato infatti rinvenuto nei pressi del tribunale. Al ritrovamento è seguita una telefonata dal messaggio esplicito: “possiamo colpire quando vogliamo”. Appresa la notizia il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha subito invocato l’intervento dell’esercito facendo da sponda al Comitato che oggi ha avuto gioco facile nell’avanzare la richiesta di un intervento dei militari. “Il Comitato – spiega il prefetto Varratta – ha condiviso all’unanimità la mia proposta di chiedere la presenza dell’esercito. In questo momento il territorio ha bisogno di questa presenza, non molto visibile ma finalizzata alla vigilanza della Procura e della Procura generale”. Non mancano però le repliche, prima tra tutte quella del procuratore generale Di Landro che, pur partecipe delle decisioni del Comitato, puntualizza: ‘La presenza dell’esercito non fa male, ma è più importante...


Rinvenuto bazooka a Reggio Calabria. Intimidazione per Giuseppe Pignatone

Ott 5th, 2010 | Categoria: news
“Possiamo colpire quando vogliamo”. Il messaggio, fin troppo eloquente, era destinato al procuratore capo di Reggio Calabria Giuseppe Pignatone. Così come a lui era destinato il bazooka rinvenuto questa mattina davanti alla Procura reggina, proprio a seguito della telefonata – effettuata da una cabina pubblica nel pressi della sede del Consiglio regionale – che avvertiva: “Andate a vedere davanti alla Procura. C’è una sorpresa per il procuratore Pignatone”. L’arma, di fabbricazione slava, è stata rinvenuta sotto un vecchio materasso, nella zona di San Giorgio; il colpo era stato esploso, ma “anche se l’arma era scarica, l’episodio costituisce un grave episodio intimidatorio” sottolineano gli inquirenti. (altro…)


Audizione del Procuratore distrettuale antimafia di Reggio Calabria, Dottor Giuseppe Pignatone

Set 23rd, 2010 | Categoria: documenti
Resoconto stenografico dell’audizione di Giuseppe Pignatone, Procuratore distrettuale antimafia di Reggio Calabria – 21 settembre 2010