Articoli con tags ‘ Giorgi ’


Traffico di armi e droga, maxi operazione dei Carabinieri

Apr 13th, 2016 | Categoria: news
“Colombiani d’Aspromonte” è il nome della vasta operazione effettuata questa mattina nella Locride dal Comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria su direttiva delle Procure di Locri e Palmi. Ventitré arresti (18 in carcere, 5 ai domiciliari) e decine di perquisizioni. I militari hanno anche notificato 4 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria e 3 minori hanno ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini. Contestati il reato di traffico illecito di armi clandestine (alcune delle quali rubate tra Piemonte e Lombardia), porto e detenzione illegale di armi, traffico illecito di stupefacenti (marijuana, cocaina ed eroina), furti venatori e caccia di frodo. Le indagini furono avviate nel 2013, dopo l’individuazione di una piantagione di canapa indica sulle alture del comune di San Luca. Scoperti anche arsenali di armi riconducibili a membri delle cosche degli Strangio e dei Giorgi, coinvolte nella faida di “San Luca”. https://www.youtube.com/watch?v=yIkHQTTOXSE


Arrestato nel torinese Domenico Giorgi, innescò la faida di San Luca

Nov 19th, 2010 | Categoria: news
Rivalta di Torino, piccolo comune della cintura, campagna piemontese da profondo nord. Qui ha trovato asilo Domenico Giorgi, ventott’anni, esponente dell’omonima cosca della ‘Ndrangheta arrestato stamane dai Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria che hanno seguito le sue tracce fino alle porte del capoluogo sabaudo. Fu lui, secondo gli investigatori, a far cominciare la faida di San Luca, sanguinosa guerra di ‘ndrangheta, uccidendo senza pietà Salvatore Favasuli, freddato a Casignana il 6 gennaio 2005. Omicidio di mafia ma anche, nelle ricostruzioni degli inquirenti, omicidio passionale e innesco di un vortice di violenze che varcarono le Alpi e si fermarono davanti al ristorante ‘Da Bruno’, in Tonhallenstraße, nel centro di Duisburg, cittadina industriale della Ruhr dimenticata dai tempi dell’estrazione del carbone e tornata all’onore delle cronache per i settanta proiettili usati per uccidere esponenti della famiglia Strangio.  Per sottrarsi alle vendette incrociate Giorgi ha cercato rifugio a Rivalta, dove però ha trovato le manette dei carabinieri. La cosca dei Giorgi, detta dei “Boviciani”, è collegata a quella degli Strangio, alleata con i Nirta nella faida contro i Pelle-Vottari, che nello scontro rappresentano il gruppo perdente. La faida di San Luca, il cui apice fu la strage di Duisburg, ha fatto registrare decine...