Articoli con tags ‘ Francesco Pesce ’


Reggio Calabria, la sentenza di Appello del processo “All inside”

Mag 4th, 2015 | Categoria: news
La Corte d’Appello di Reggio Calabria si è espressa in merito al processo “All inside”, che ha visto coinvolti alcuni tra i maggiori esponenti della cosca Pesce della ‘ndrangheta di Rosarno. Il processo si è concluso il 30 aprile in serata, dopo quasi dieci ore di camera di consiglio, con una sentenza che ha confermato le condanne in primo grado del Tribunale di Palmi, a cui si è aggiunto qualche sconto di pena e alcune assoluzioni, tra cui quella di Carmelo Luciano, carabiniere un tempo in servizio nella tenenza di Rosarno e accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Per lui una delle poche assoluzioni concesse in revisione della sentenza di primo grado. Cinquantotto gli imputati, processati con il rito ordinario. L’organizzazione della cosca è stata ricostruita nell’ambito dell’inchiesta guidata dal pm Alessandra Cerreti; l’impianto d’accusa si è basato sulle tradizionali attività investigative, sul ricorso ad alcune intercettazioni e sulle dichiarazioni di Giuseppina Pesce, la quale, dopo un periodo di detenzione nel carcere di San Vittore a Milano, ha deciso di diventare collaboratrice di giustizia. Giuseppina sarebbe stata spinta a collaborare per amore dei suoi tre figli, nonostante rischi e minacce. Le sue dichiarazioni sono state preziose per lo sviluppo delle indagini e...


Arrestato il boss Francesco “Ciccio” Pesce

Ago 10th, 2011 | Categoria: news
Gli uomini del Ros, dei Cacciatori elitrasportati e del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno messo fine, ieri sera, alla latitanza di Francesco “Ciccio” Pesce, il 32enne a capo del potente clan ‘ndranghetista di Rosarno e figlio di Antonino Pesce, attualmente in carcere. Le forze dell’ordine hanno fatto irruzione in un bunker ricavato all’interno dell’azienda “DemolSud” con sede sulla strada ad elevata percorrenza che collega le coste ionica e tirrenica, sorprendendo “Cicciu testuni” mentre bruciava dei pizzini e altri documenti; alcune carte sono state salvate e sono ora al vaglio degli inquirenti, che le ritengono di “grandissimo valore investigativo”. La latitanza di Francesco Pesce risale a più di un anno fa, quando riuscì ad evitare gli arresti dell’operazione “All inside” iniziata nel 2008. In quell’occasione fu arrestata anche Giuseppina Pesce, figlia del boss Salvatore e nipote proprio del capo della cosca Antonio Pesce. Il suo arresto costituisce un fatto con pochi precedenti nella storia della ‘ndrangheta, in quanto la donna, che rivestiva all’interno del clan un ruolo strategico per quanto atteneva gli affari dello stesso, iniziò a collaborare con la giustizia. L’11 giugno è stata nuovamente arrestata a Latina  con l’accusa di evasione dai domiciliari. A Rosarno il boss è riconosciuto come...