Articoli con tags ‘ Fnsi ’


Morto il giornalista Santo della Volpe

Lug 9th, 2015 | Categoria: prima pagina
È morto dopo una breve malattia, nelle prime ore di oggi, giovedì 9 luglio, il giornalista Santo della Volpe. Sessant’anni, storico inviato del «Tg3», era tra i fondatori di «Articolo 21». Nel mese di gennaio 2015 era stato eletto presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana. Dopo la morte dell’amico e collega Roberto Morrione, avvenuta nel maggio 2011, aveva assunto l’incarico di presidente di «Liberainformazione», portale fondato e diretto dal collega. La camera ardente sarà allestita nella sala Walter Tobagi della Fnsi (corso Vittorio Emanuele 349, Roma); i funerali si svolgeranno sabato 11 luglio alle ore 11, nella Basilica di Sant’Agnese, in via di Sant’Agnese, 3 a Roma. Il ricordo di Stefano Corradino, direttore di «Articolo21». “Questa mattina è venuto a mancare Santo Della Volpe, nostro amico e compagno di tante battaglie. È stato uno dei soci fondatori di «Articolo21» e in questi anni lo abbiamo sempre trovato al nostro fianco, sempre in prima fila per difendere la libertà di informazione da ogni tipo di attacco e manipolazione. Ieri mattina eravamo insieme nella sua casa con la moglie Teresa e Vittorio Di Trapani. Pur stando male, pur essendo debolissimo e con voce flebile non ci ha mai parlato della sua malattia, ma dei suoi e dei nostri...


Rapporto Ossigeno 2010, pubblicata la seconda parte

Gen 26th, 2011 | Categoria: news
È disponibile da oggi la seconda parte del Rapporto Ossigeno 2010, che completa il Meta Rapporto presentato il 23 settembre 2010 in occasione delle celebrazioni per il premio intitolato a Giancarlo Siani. Proprio alla memoria del giovane cronista de “Il Mattino” di Napoli, ucciso a 26 anni il 23 settembre 1985, è dedicata una sezione della seconda parte del rapporto annuale di Ossigeno per l’informazione, un osservatorio promosso nel 2009 dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana. Presidente dell’Osservatorio è Alberto Spampinato, fratello del giornalista Giovanni, corrispondente per “L’Ora” di Palermo ucciso la sera del 27 ottobre 1972. Il Rapporto Ossigeno evidenzia i casi di 78 giornalisti minacciati in Italia e, attraverso delle tabelle nominative, racconta per chi lavorano, dove vivono, perché sono nel mirino. Un fenomeno pressoché diffuso in tutta Italia, che registra l’infelice primato in Calabria (15 casi nel 2010) e che si manifesta in due modalità differenti: con mezzi violenti o attraverso abusi legali. Alberto Spampinato ha denunciato «l’acutizzarsi del fenomeno di cui ci occupiamo. Attuando una forma di censura violenta ed estrema, dal 1960 al 1993 sono stati uccisi undici giornalisti». Da allora non si sono più verificati episodi delittuosi, ma le...


Il giornalista Amendolara indagato dalla Procura salernitana

Gen 11th, 2011 | Categoria: news, prima pagina
Sono giorni difficili questi per Fabio Amendolara, il giornalista del quotidiano “Gazzetta del Mezzogiorno” accusato di aver violato l’articolo 326 del codice penale che disciplina la “rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio”, a seguito di una serie di articoli pubblicati dal giovane cronista in merito alla vicenda Claps. Domenica sera Amendolara è stato posto sotto interrogatorio presso la Questura di Potenza: rilasciato dopo cinque ore, risultano tuttavia ancora sequestrati i documenti, i faldoni, le informative e le sentenze riguardanti la vicenda della giovane diciassettenne uccisa il 12 settembre 1993 e il cui corpo è stato rinvenuto nel sottotetto della Trinità a Potenza – cioè sul luogo del delitto –  solo 17 anni dopo l’omicidio. Il provvedimento è scattato poiché la Procura salernitana ritiene ancora “coperta da segreto” un’informativa risalente al 2008 e che contiene elementi schiaccianti comprovanti  la colpevolezza di Danilo Restivo, sospettato di aver ucciso Elisa Claps. La Procura ha altresì disposto la perquisizione dell’auto e della casa di Fabio Amendolara, oltre che della redazione presso la quale lavora. Immediate le dimostrazioni di solidarietà pervenute al giovane giornalista della “Gazzetta del Mezzogiorno”: da parte dei suoi colleghi così come dall’Ordine nazionale dei giornalisti, dalla Federazione Nazionale Stampa Italiana, dall’Ordine dei giornalisti...


Il caso Rega: per avere la scorta prima ti devono sparare

Gen 10th, 2011 | Categoria: prima pagina, Una boccata d'ossigeno
di Alberto Spampinato. Direttore di Ossigeno per l’informazione, osservatorio della FNSI e dell’Ordine dei Giornalisti sui cronisti minacciati e le notizie oscurate con la violenza (altro…)


Sciopero dell’informazione, quando il silenzio fa rumore

Lug 8th, 2010 | Categoria: articoli
di Marika Demaria
Black-out domani, venerdì 9 luglio, per l’informazione italiana. L’obiettivo è, come ha spiegato Franco Siddi, segretario generale della Federazione Nazionale Stampa Italiana, “creare un giorno di silenzio per dimostrare e denunciare la gravità della situazione che si determina con il ddl. Un silenzio che diventerà assoluto su molte notizie quando e se la norma sarà approvata”. Il giro di vite, va ricordato, riguarda anche pesanti limitazioni nei confronti della magistratura, che non sarebbe più messa in condizioni di lavorare con strumenti idonei – primo tra tutti le intercettazioni – che fino a questo momento hanno permesso la risoluzione di molti casi, specie legati alla criminalità organizzata. Alla vigilia dello sciopero, tuttavia, si registrano delle divergenze. Il comitato “Valigia Blu”, che è sceso in piazza in occasione di numerose manifestazioni contro tale proposta di legge, propone, in alternativa al silenzio, una giornata di informazione massiccia con i costi dimezzati dei quotidiani, dando così la possibilità ai lettori di comprarne diversi per un’informazione pluralista. Tutto questo per evitare ciò che il comitato battezza “autoimbavagliamento”. Marco Travaglio, dalle colonne de “Il fatto quotidiano”, premette di non voler spaccare il fronte, ma chiede in maniera critica se il silenzio sia la forma di protesta più...