Articoli con tags ‘ ergastolo ’


Processo Lea Garofalo, le richieste del procuratore Tatangelo

Mag 15th, 2013 | Categoria: articoli, prima pagina
di Marika Demaria
  Due assoluzioni, una riduzione di pena e tre conferme di ergastolo. Queste, in estrema sintesi, le richieste del procuratore generale Marcello Tatangelo al termine della sua requisitoria che ha abbracciato l’intera giornata di ieri, mercoledì 15 maggio. (altro…)


Denise, il volto della speranza

Apr 3rd, 2012 | Categoria: articoli, prima pagina
Il 30 marzo la Prima Corte d’Assise di Milano ha emesso la sentenza per il processo Lea Garofalo: ergastolo per tutti e sei gli imputati. Una storia che parte da Pagliarelle, frazione crotonese di Petilia Policastro, e giunge a Milano, scuotendo in modo particolare la società civile – notevole la mobilitazione in questi mesi dei ragazzi appartenenti all’associazione Libera – tra lo stupore e l’indignazione degli imputati. Marika Demaria, giornalista di «Narcomafie», in questi mesi ha seguito tutte le udienze del processo, anche per Libera Informazione. Qui di seguito dopo una fitta serie di cronache dal tribunale curate dalla Demaria, il commento e l’analisi “a caldo” di una giornata che segna un passaggio fondamentale per il movimento antimafia, dal sud al nord del Paese. Con un impegno che vale per tutti: non dimenticare Lea Garofalo e stare vicini a Denise Cosco. (altro…)


Condannati all’ergastolo i sei imputati per l’omicidio di Lea Garofalo

Apr 1st, 2012 | Categoria: news
Condannati. Tutti e sei gli imputati. Questo l’epilogo del processo istruito a luglio 2011 per la scomparsa di Lea Garofalo, sequestrata, torturata, uccisa e sciolta nell’acido la notte tra il 24 e il 25 novembre 2009. La Corte d’Assise presieduta da Anna Introini ha di fatto accolto la richiesta di ergastolo pronunciata dal pubblico ministero Marcello Tatangelo al termine della sua requisitoria. Carlo Cosco e i fratelli Vito e Giuseppe, così come Rosario Curcio, Massimo Sabatino e Carmine Venturino sono dunque stati condannati all’ergastolo, con l’isolamento diurno differenziato: due anni per Carlo Cosco e Vito Cosco, un anno per gli altri imputati. Non solo. Tutti sono stati condannati a risarcire una provvisionale di 200 mila euro a Denise Cosco, figlia di Carlo Cosco e Lea Garofalo, che coraggiosamente aveva testimoniato in aula, costituendosi parte civile. La giovane ventenne era presente alla lettura della sentenza, in un’altra stanza per motivi di sicurezza (tutt’ora vive sotto scorta e sotto programma di protezione), insieme a Don Luigi Ciotti e agli avvocati dell’ufficio legale di Libera, Enza Rando e Ilaria Ramoni. In aula, moltissimi i cittadini arrivati per dimostrare sostegno alla ragazza; tra il pubblico anche Nando dalla Chiesa, presidente onorario di Libera, e...