Articoli con tags ‘ diffamazione ’


Le cause per diffamazione, un modo per limitare la libertà di stampa. Il caso armeno

Mag 9th, 2011 | Categoria: articoli, prima pagina
di Daniela Ferrara
L’abuso di cause per diffamazione rivolte contro i giornali, specie se indipendenti, può diventare un modo per limitare la libertà di stampa. I giornali indipendenti, infatti, privi delle coperture economiche per rispondere a cause milionarie rischiano la chiusura. Se poi le cause per diffamazione vengono da potenti uomini politici, ecco che la volontà di limitare la libertà d’espressione da parte del potere diventa palese. Le cause per diffamazione possono così diventare uno strumento legale per compiere un disegno illegale: imbavagliare l’informazione. E’ quanto avviene in Armenia, piccola repubblica del Caucaso meridionale, democratica sulla carta ma inficiata da corruzione dilagante, abuso di potere, brogli elettorali. L’Armenia è però uno snodo fondamentale degli interessi energetici euro-americani e il Paese aderisce al programma Partnership for Peace della Nato. Facile quindi immaginare un certo lassismo da parte dei partner occidentali nel far rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali. Non a caso Reporter sans frontières si è detta preoccupata per il crescente numero di denunce per diffamazione che coinvolgono i “media” armeni e per la sproporzione delle condanne richieste. Le multe salate minacciano l’attività di alcuni giornali e creano le basi di un clima propizio all’auto-censura. Questa tendenza al soffocamento giudiziario...


Andreotti condannato per diffamazione

Lug 10th, 2007 | Categoria: news
Giulio Andreotti, il 15 giugno scorso, è stato condannato in primo grado dal tribunale di Perugia (in composizione monocratica) al pagamento di una multa di duemila euro per diffamazione nei confronti del giudice Mario Almerighi, attuale presidente del tribunale di Civitavecchia. Il giudice unico ha anche condannato l’imputato al pagamento di una provvisionale di 20mila euro come risarcimento del danno. Il pm Sergio Sottani aveva chiesto la pena di sei mesi di reclusione. I fatti alla base del processo risalgono al 1997, quando Almerighi, all’epoca presidente della nona sezione penale del tribunale di Roma, testimoniò davanti ai magistrati di Palermo nell’ambito del processo per mafia contro il senatore ...