Articoli con tags ‘ Csm ’


Palermo, Silvana Saguto sospesa dall’incarico

Nov 3rd, 2015 | Categoria: brevi di mafia
Il Csm, accogliendo la richiesta del ministro della Giustizia e del Pg della Cassazione, ha sospeso dalle funzioni Silvana Saguto, l’ex presidente delle Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, indagata per corruzione a Caltanissetta. La Saguto è accusata di aver favorito la nomina di alcuni professionisti ad amministratori giudiziari di patrimoni sequestrati alla mafia in cambio di incarichi di collaborazione per il marito e altri indebiti vantaggi. Alla donna è stato altresì sospeso lo stipendio; tuttavia, il Csm le riconoscerà un assegno di mantenimento pari ai 2/3 della precedente retribuzione.  La decisione è stata notificata alla diretta interessata, che oggi era stata convocata dalla prima Commissione di Palazzo dei Marescialli, che nei suoi confronti ha aperto la procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale. Procedura che ora probabilmente sarà congelata in attesa dell’esito definitivo del processo disciplinare. Nelle motivazioni della sospensione del magistrato, il Csm si è così espresso: “Silvana Saguto ha compiuto un abuso delle sue funzioni a profitto proprio e della propria famiglia”. Il danno risulta ancora più pesante poiché i fatti si sono verificati  “in un ufficio storicamente impegnato nella lotta alla criminalità organizzata e proprio per questa ragione considerato nel Paese un simbolo e un punto di riferimento...


La proposta del Csm a Nino Di Matteo: “Trasferimento per ragioni di sicurezza”

Mar 18th, 2015 | Categoria: news
Trasferimento ad altra sede pe ragioni di sicurezza. È questa la proposta avanzata dal Csm al sostituto procuratore Nino Di Matteo, alla luce del fatto che “nel tempo si è registrata una escalation del problema sicurezza”, come ha spiegato il consigliere Renato Balduzzi. Il magistrato palermitano, pubblico ministero nel processo in corso a Palermo sulla trattativa Stato-mafia, ha così risposto alla proposta di trasferimento: «Preferisco aspettare l’esito per la mia candidatura per la Direzione nazionale antimafia e alla Procura di Enna». La procedura di trasferimento, attivata una decina di giorni fa, è stata quindi sospesa in attesa degli esiti delle candidature avanzate dal pm. Il Csm in seduta plenaria dovrebbe deliberare oggi (mercoledì 18 marzo). Per i tre posti disponibili la Terza Commissione ha proposto all’unanimità: Eugenia Pontassuglia (pm, Bari), Marco Del Gaudio (sostituto procuratore, Napoli) e Salvatore Dolce (sostituto Pg, Catanzaro). A questi si è aggiunta la proposta di minoranza del togato Aldo Morgigni che chiede di nominare Di Matteo, considerando il fatto che, se il pm non dovesse farcela, non potrebbe comunque essere destinato alla Procura nazionale antimafia nell’ambito della procedura di sicurezza già aperta perché sarebbero possibili solo trasferimenti orizzontali tra uffici omologhi.