Articoli con tags ‘ Clemente Mastella ’


Aspettando la riforma

Lug 30th, 2007 | Categoria: archivio articoli
In questi mesi ha acceso l’opinione pubblica e infiammato il dibattito politico, dividendo la stessa maggioranza del Parlamento che pure lo aveva approvato con una percentuale ben più ampia di quella richiesta dalla Costituzione. Numerosi quotidiani hanno ospitato colonne di accuse di “inciucio” con l’opposizione e talvolta stravolto la sua funzione, trasformandolo in fonte di ogni male con il risultato di esacerbare la situazione, come, per esempio, quando si trattò di riportare ai lettori la cronaca degli ormai noti fatti di Erba, il tranquillo Comune lombardo. Quattro omicidi per cui fu immediatamente trovato un capro espiatorio: un giovane straniero, ex detenuto, uscito da poco proprio grazie all’indulto («Corriere della Sera», 13 dicembre 2006). Si scoprì in seguito che erano stati i vicini. Ora il tanto discusso ddl sull’indulto si appresta a compiere un anno. Era il 29 luglio del 2006, quando il Senato approvava in via definitiva il sino allora tanto invocato atto di clemenza con la legge 241/06. Le carceri italiane stavano letteralmente scoppiando di detenuti: 60.710 persone ammassate in strutture la cui capienza regolamentare era di circa 42mila unità. Un affollamento mai riscontrato nell’Italia repubblicana.  Nel corso di quest’anno abbiamo assistito al classico balletto di cifre e numeri. Mercoledì...


Mastella: “I miei rapporti con Campanella”

Feb 10th, 2007 | Categoria: news
Il ministro della Giustizia Clemente Mastella il 16 gennaio scorso ha deposto a Palermo come teste di difesa nell’ambito del processo contro il deputato di Forza Italia Gaspare Giudice, accusato di associazione mafiosa, e di quello sulle talpe nella Dda che vede tra gli imputati il presidente della regione Sicilia Salvatore Cuffaro, dell’Udc, accusato di favoreggiamento a Cosa Nostra. Il Ministro ha così giustificato i suoi rapporti con Francesco Campanella, ex presidente del Consiglio comunale di Villabate, mafioso oggi collaboratore di giustizia, celebre per avere fornito a Bernardo Provenzano la carta d’identità falsa con cui il boss di Corleone si recò a Marsiglia per farsi operare alla prostata: «Era un...