Articoli con tags ‘ Cannabis ’


Grave la situazione delle droghe, ma il Parlamento è distratto

Ott 3rd, 2014 | Categoria: prima pagina
di Piero Innocenti
Non ho la minima idea di quanti possano essere gli “onorevoli” che leggeranno l’interessante relazione annuale al Parlamento sull’uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia, inoltrata, una decina di giorni fa, dal Dipartimento Politiche Antidroga (DPA) della Presidenza del Consiglio dei Ministri. È probabile che non si presti molta attenzione a questo documento, un po’ perché le droghe non interessano più come un tempo, un po’ perché il DPA è un ufficio ormai senza un esperto direttore da un paio di mesi ed è (purtroppo) poco considerato nel contesto della Presidenza. Meglio pensare ad elaborare stime sul possibile fatturato che può venire dal commercio illecito delle droghe e sul contributo che può apportare al Pil (da quest’anno, come noto, si conteggiano anche gli introiti di droghe, contrabbando di sigarette e prostituzione). L’inquinamento dell’economia legale, delle istituzioni, l’arroganza e il potere sempre più pervasivi della criminalità del narcotraffico, la salute dei cittadini, i costi sociali che comporta il fenomeno, sono aspetti secondari rispetto alle altre questioni che interessano gli attuali vertici politici e istituzionali. In realtà, dando un rapido sguardo alla relazione, c’è da restare sbalorditi. Si pensi, per esempio, alla stima dei costi sociali per il consumo degli stupefacenti che, per...


Antidroga 2014, gli ultimi dati in Italia. Lo specifico Emilia Romagna

Apr 7th, 2014 | Categoria: articoli
di Piero Innocenti
Se il “buongiorno si vede dal mattino” ho motivo di pensare che anche nel 2014 ne vedremo delle “belle” in tema di narcotraffico. Il mercato delle droghe in Italia continua ad interessare una fetta piuttosto consistente della popolazione, alla faccia della nota crisi economica che si vive, ormai da diversi anni. Hashish e marjiuana sono sempre le droghe preferite a giudicare dai rilevanti sequestri operati dalle nostre forze di polizia in questi primi tre mesi dell’anno: 23 tonnellate circa di hashish (il 1000% in più rispetto allo stesso periodo del 2013) e oltre 8 tonnellate di marjiuana (lo stesso quantitativo del 2013). Aumentano anche le coltivazioni in casa di cannabis con oltre 7mila piante sequestrate (il 50% in più rispetto al 2013). D’altronde il guadagno non è male con un investimento piuttosto modesto. Una pianta di cannabis può fruttare anche tre o quattrocento euro e, a conti fatti, con qualche decina di piante si può ricavare un bel guadagno. Diminuiti i sequestri di eroina con 180 kg (furono 280 kg nello stesso periodo del 2013) e di cocaina, 650 kg contro i mille kg circa del 2013, ma con questo tipo di sostanze non ci vuole molto per raggiungere valori...


Olanda, soglia di sbarramento al 15%. Pronti a vietare la cannabis?

Nov 7th, 2011 | Categoria: articoli
di Francesco Rossi
Anche se il tema della droga è altamente politico, non stiamo parlando di leggi elettorali, cioè di politica in senso stretto. Secondo il vice primo ministro e ministro dell’economia olandese Verhagen, a breve (termine massimo aprile 2012) nei Paesi Bassi si arriverà a vietare la vendita di cannabis con contenuto di tetraidrocannabinolo (Thc) superiore al 15%. È questa la famosa teoria del 16%, molto in voga tra gli anni ’80 e ’90. La cosiddetta “skunk”, la varietà più diffusa e richiesta nel paese (80% delle vendite, secondo l’Istituto Trimbos), verrà così considerata alla stregua di eroina e cocaina. L’assunto di fondo è la semplice equazione “più Thc, uguale più danni per la salute”. In altre parole, maggiori effetti psicotropi, maggiori ricadute sulla salute. Che ne resta dunque del famigerato Dutch approach, la Gedoogbeleid o politica della tolleranza, introdotta nel paese con la Opiumwet del 1976? È possibile si tratti di un parziale seppur minimo cambiamento filosofico di direzione, peraltro certamente dipendente dalla contingenza politico-partitica del momento. Tuttavia il punto centrale è un altro, e cioè il fatto che in pochi, specie all’estero, hanno la reale percezione di che cosa sia realmente la Gedoogbeleid. Non vi è niente di più fuorviante dell’espressione “liberalizzazione...