Articoli con tags ‘ Calabria ’


Con Carlo Lucarelli e Il Parto delle Nuvole Pesanti vi racconto le navi dei veleni

Feb 10th, 2016 | Categoria: articoli
di Salvatore De Siena
  …la devo aver sognata quella notte di maestrale la nave che arrivava col suo carico speciale…   Di recente, con Il Parto delle Nuvole Pesanti, storica band calabro-bolognese, abbiamo pubblicato un interessante videoclip della canzone “La nave dei veleni”, un brano contenuto nell’ultimo disco “Che aria tira” (Ala Bianca/ Warner), definito dalla critica un album di “musica civile”. La canzone affronta il tema dell’affondamento nel Mediterraneo di navi contenenti rifiuti tossici e radioattivi. A partire dagli anni Settanta sono tante le navi che affondano in maniera sospetta, che scompaiono dai radar, insieme ai loro equipaggi. Finora non si è recuperato alcuno dei relitti sospetti e nessuno sa quali misteri nascondano. Tra queste navi dei veleni, particolare clamore hanno suscitato quella della Rigel affondata al largo di Capo Spartivento (Rc), della Jolly Rosso spiaggiata ad Amantea (Cs) e della Cunsky affondata nel mare di Cetraro (Cs). Peraltro, come è emerso in diverse inchieste, spesso i traffici di rifiuti si sono intrecciati a quelli delle armi, e con ogni probabilità, proprio indagando su una di queste piste in Somalia sono stati uccisi nel 1994 la giornalista Ilaria Alpi e l’operatore Miran Hrovatin. Su questa storia s’innesta la nostra canzone con lo scopo di sensibilizzare la gente sul problema dell’ecomafia....


Rimborsopoli Calabria, duro attacco dei vescovi della regione: “Gli scandali minano la fiducia”

Lug 1st, 2015 | Categoria: brevi di mafia
“Forte preoccupazione per le condizioni in cui versano non poche realtà politico-istituzionali calabresi soprattutto a causa del perpetrarsi di scandali che minano la fiducia della gente in particolare – ferita questa assai profonda dei giovani – alimentando in essi un comprensibile distacco della politica stessa, vissuta come scelta etica” è stata espressa dalla Conferenza Episcopale Calabra a conclusione della riunione in Sessione Straordinaria che si è svolta al Santuario di Laurignano, a Dipignano, per l’approvazione del documento “Per una nuova evangelizzazione della pietà popolare. Orientamenti pastorali per le Chiese di Calabria”. I Vescovi, è scritto in una nota, “in attesa fiduciosa dell’operato della magistratura, esprimono solidarietà nei confronti del popolo calabrese, incoraggiano quelle esperienze positive che non mancano in alcuni contesti politici e auspicano una seria inversione di rotta di alcuni politici e amministratori della cosa pubblica che non operano per il bene comune. Facendo eco agli appelli accorati di Papa Francesco, condannano con forza tutti gli atti di corruzione e di malaffare che non fanno crescere la terra di Calabria”. “Insieme al popolo calabrese – prosegue la nota della Cec – i Vescovi attendono che il Governo regionale, dopo mesi difficili per la composizione della stessa Giunta, prenda ad operare con...


Spese pazze, terremoto in regione Calabria, 27 indagati

Giu 26th, 2015 | Categoria: prima pagina
Tre ai domiciliari, cinque con obbligo di dimora, in tutto 27 indagati. Sono consiglieri regionali e un assessore calabrese in carica nella passata legislatura. Per loro, le accuse sono pesanti: peculato e falso, secondo la procura di Reggio che coordina le indagini. Nel corso dell’operazione scattata questa mattina, e chiamata in codice “Erga Omnes”, sono stati sequestrati anche beni per 2,5 milioni di euro. L’operazione è frutto dell’inchiesta sui ‘rimborsi pazzi’ dei componenti del Consiglio regionale. Rimborsi in cui è stato trovato di tutto, dal biglietto per uno spettacolo di lap dance ai vini, dai viaggi ingiustificati in Italia e all’estero ai gratta e vinci. Le indagini, effettuate anche attraverso intercettazioni telefoniche e accertamenti bancari, avrebbero contribuito a far luce sulle discrasie tra le movimentazioni e i saldi in conto corrente dei gruppi consiliari regionali degli anni 2010, 2011 e 2012 e le presentazioni del rendiconto annuale. In alcuni casi sarebbe stata riscontrata anche la presentazione di una doppia documentazione di spese per ottenere un doppio rimborso. Tra i destinatari delle misure, c’è anche Nino De Gaetano, assessore regionale ai lavori pubblici e ai trasporti in quota Partito Democratico. De Gaetano, non rieletto in occasione delle ultime elezioni, è tuttora componente della...


Don Marcello Cozzi: cari imprenditori calabresi, ribellarsi alla ’ndrangheta si può

Feb 13th, 2014 | Categoria: articoli
    Lettera aperta di don Marcello Cozzi, vicepresidente di Libera, agli imprenditori calabresi (dal sito www.libera.it) Quando Pietro ci chiese aiuto era terrorizzato, rassegnato, senza prospettive. Eravamo per lui l’ultima spiaggia. Probabilmente non per ritrovare una vita normale: dentro di sé, forse, sapeva che nulla sarebbe stato più come prima e che nessuno gli avrebbe più restituito la tranquillità di un tempo. Ma almeno riprendersi la dignità violata, quello si; almeno recuperare quel senso di umanità da troppo tempo calpestata dalla prepotenza e dall’arroganza mafiosa. Almeno questo!Non fu difficile convincerlo alla denuncia. Il resto venne da se: le indagini, gli arresti, la protezione immediata, e oggi la libertà ritrovata. Si, proprio così: libertà; non importa se per ricominciare a vivere è dovuto andare fuori dalla sua terra, non importa se da qui in poi incontrerà inevitabili e complicati intoppi burocratici e non importa neanche se un giorno ritornerà. Importa, invece, che lui la mafia l’ha messa sotto i piedi, che gli è bastato fare nomi e cognomi, che i suoi aguzzini a vederli oggi in un’aula di tribunale sembrano più cani allo sbando che lupi inferociti. Importa, insomma, aver dimostrato che delle Istituzioni ci si può fidare e che i mafiosi non sono...


Il film “Il Sud è niente” al Festival di Berlino

Feb 3rd, 2014 | Categoria: news
di Elisa Latella
”Il sud è niente”, opera prima del regista reggino Fabio Mollo, sarà proiettato al Festival di Berlino – in programma dal 6 al 16 febbraio – il prossimo martedì 11 febbraio, nella sezione Generation dell’evento. Ambientato in una Reggio Calabria suggestiva e scontrosa, su cui aleggia l’opprimente ombra della ‘ndrangheta, il film (diffuso nelle sale italiane a dicembre) racconta un Sud metafora di una generazione, fragile e determinata, portatrice di un desiderio di verità silenzioso e profondo, arrabbiata quanto basta per non arrendersi. Cioè molto. Realizzato con il contributo della direzione generale per il Cinema, era stato presentato in anteprima mondiale al Toronto Film Festival, ed in anteprima europea al Festival di Roma, nella sezione parallela Alice nella Città. ”Il sud è niente” è prodotto da B24 Film e Madakai in collaborazione con Raicinema ed è distribuito da Istituto Luce-Cinecittà. Ora l’opera sbarca in Germania, nazione che, dalla cronaca, è stata accostata alla Calabria nel 2007 con riferimento  alla tristemente celebre strage di Duisburg, causata dalla lotta tra famiglie di ‘ndrangheta nella faida di San Luca. Subito dopo però il binomio Calabria/Germania torna con la notizia relativa  alla nascita del movimento  “Mafia? Nein danke!” (in italiano “Mafia? No grazie!”), analogo all’italiano “Addiopizzo”: le...


Lamezia Terme, al via la terza edizione di Trame

Giu 19th, 2013 | Categoria: news
Lamezia Terme sarà – da oggi, mercoledì 19 giugno e sino a domenica 23 – la culla dei libri sulle mafie. Giornalisti, scrittori, sociologi, scrittori, critici, sindaci si incontreranno per discutere delle mafie, ‘ndrangheta in particolare. Da questo pomeriggio, alcuni luoghi simbolo della città calabrese, come piazza Mercato Vecchio, Palazzo Nicotera, il Chiostro e la piazzetta San Domenico, piazza Sacchi si animeranno con dibattiti, presentazioni di libri, incontri con gli autori. “Trame.3”, conosciuto come il Festival dei libri sulle mafie, è giunto alla sua terza edizione. Lirio Abbate, ideatore e direttore artistico, ha passato il testimone al collega giornalista Gaetano Savatteri, che ha spiegato che per quest’edizione, «d’accordo con i promotori, gli sponsor e  tanti amici del festival, abbiamo deciso di esplorare altri territori rispetto a quelli della saggistica e del giornalismo d’inchiesta, allargando il discorso sulla legalità e contro le mafie ai linguaggi dell’arte, del cinema, della letteratura, della musica». Tra i vari ospiti: Lirio Abbate, Nando dalla Chiesa, Michele Prestipino, Attilio Bolzoni, Alberto Spampinato, Enzo Ciconte, Francesco Forgione, Ombretta Ingrascì, Marcello Ravveduto, Nicola Gratteri, Raffaele Sardo. La kermesse è promossa dalla Fondazione Trame insieme all’Associazione Antiracket Lamezia, l’Associazione Italiana Editori, il Comune di Lamezia Terme, Radio 24 e la Regione...


Striscione offensivo nei confronti di don Luigi Ciotti e Libera

Gen 13th, 2012 | Categoria: news
  «L’azione di Libera sta riuscendo ad incidere e perciò spaventa». Così don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, ha commentato il gesto offensivo e provocatorio che ieri, giovedì, ha accolto la sua visita a Vibo Valentia. Don Ciotti si trovava in Calabria per prendere parte alla quinta assemblea provinciale di Libera, che si è svolta presso la Scuola di Polizia. In mattinata, gli agenti della Digos e una pattuglia della Polizia aveva avvistato un manifesto recante la scritta: “Calabria libera senza Libera”. Le forze dell’ordine hanno subito provveduto a rimuoverlo, avvisando contestualmente il questore Giuseppe Cucchiara dell’accaduto. Lo stesso ha commentato che si tratta di un gesto “frutto dell’azione di alcuni imbecilli, sintomatico comunque di un evidente disagio sociale che si sta vivendo in alcuni settori della societa'”. Sulla vicenda le indagini sono in corso. (Ma.De.)


Rapporto Ossigeno 2010, pubblicata la seconda parte

Gen 26th, 2011 | Categoria: news
È disponibile da oggi la seconda parte del Rapporto Ossigeno 2010, che completa il Meta Rapporto presentato il 23 settembre 2010 in occasione delle celebrazioni per il premio intitolato a Giancarlo Siani. Proprio alla memoria del giovane cronista de “Il Mattino” di Napoli, ucciso a 26 anni il 23 settembre 1985, è dedicata una sezione della seconda parte del rapporto annuale di Ossigeno per l’informazione, un osservatorio promosso nel 2009 dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana. Presidente dell’Osservatorio è Alberto Spampinato, fratello del giornalista Giovanni, corrispondente per “L’Ora” di Palermo ucciso la sera del 27 ottobre 1972. Il Rapporto Ossigeno evidenzia i casi di 78 giornalisti minacciati in Italia e, attraverso delle tabelle nominative, racconta per chi lavorano, dove vivono, perché sono nel mirino. Un fenomeno pressoché diffuso in tutta Italia, che registra l’infelice primato in Calabria (15 casi nel 2010) e che si manifesta in due modalità differenti: con mezzi violenti o attraverso abusi legali. Alberto Spampinato ha denunciato «l’acutizzarsi del fenomeno di cui ci occupiamo. Attuando una forma di censura violenta ed estrema, dal 1960 al 1993 sono stati uccisi undici giornalisti». Da allora non si sono più verificati episodi delittuosi, ma le...


Vincenzo Mandalari, latitante e arrestato nell’hinterland milanese

Gen 24th, 2011 | Categoria: news
Era riuscito a sfuggire per un pelo al maxi blitz – operazione “Il Crimine” –  del 13 luglio 2010 che portò all’arresto di 304 persone tra Calabria e Lombardia. Vincenzo Mandalari, 50 anni originario di Guardavalle, in provincia di Catanzaro, era scappato dalla sua villa bunker di Bollate, facendo perdere le tracce di sè e inducendo i criminali finiti in manette a credere che “don Enzo” fosse stato vittima della lupara bianca, pagando quel suo “vizio” di chiacchierare al telefono, rivelando infiltrazioni della ‘ndrangheta nell’edilizia. Telefonate che hanno permesso ai Carabinieri del gruppo di Monza di intercettare il capo del ‘locale’ ‘ndranghetista di Bollate e di provvedere al suo arresto, avvenuto venerdì sera alla stazione ferroviaria di San Giuliano Milanese, dove l’uomo attendeva la moglie. Al comparire delle forze dell’ordine, Mandalari ha esibito senza troppa convinzione la carta d’identità commentando: «Non pensavo che mi avreste trovato». Vincenzo Mandalari, figlio di Pino, uno dei fondatori del coordinamento regionale delle famiglie calabresi “Lombardia”, era titolare di un’impresa di strade e costruzioni, la “Imes srl”. L’ordine di custodia cautelare, firmato dal gip Andrea Ghinetti su richiesta dei pm della Direzione distrettuale antimafia Ilda Boccassini, Alessandra Dolci e Paolo Storari, parla di “associazione a delinquere di...


Calabria, arrestato per mafia consigliere regionale Zappalà

Dic 21st, 2010 | Categoria: news
Il gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda ha emesso 12 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di persone indagate per associazione mafiosa e corruzione elettorale aggravata. L’inchiesta denominata “Reale 3”, condotta dai Carabinieri del comando provinciale e del Ros, avrebbe accertato il condizionamento esercitato dalla cosca ‘ndranghetista dei Pelle di San Luca alle ultime elezioni regionali del 29 e 30 aprile. In particolare, gli inquirenti avrebbero documentato gli incontri tra il boss Giuseppe Pelle ed alcuni candidati: in cambio di voti assicurati dalla ‘ndrangheta i politici avrebbero promesso alla cosca l’aggiudicazione di appalti alle imprese di riferimento e altre utilità. Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi anche il consigliere regionale del Pdl Santi Zappalà, oltre ad altri 4 candidati di centrodestra risultati poi non eletti: si tratta di Antonio Manti, Pietro Nucera, Liliana Aiello e Francesco Iaria. Santi Zappalà, che è anche sindaco al secondo mandato del comune di Bagnara Calabra, alle ultime regionali era stato eletto con 11.052 preferenze. L’inchiesta sembra confermare la denuncia del presidente della Commissione antimafia Giuseppe Pisanu che lo scorso 12 ottobre, a proposito dei perduranti rapporti tra mafia e politica, aveva evidenziato come “la disinvoltura nella formazione delle liste fosse...