Articoli con tags ‘ Borgo Sabotino ’


Borgo Sabotino, ennesimo attentato ai danni del bene confiscato

Dic 18th, 2013 | Categoria: news
Nei giorni scorsi, ignoti sono entrati nella struttura del “Villaggio della Legalità di Borgo Sabotino” (Lt), un ex camping abusivo confiscato e affidato temporaneamente a Libera dall’aprile del 2011, distruggendo completamente l’intero impianto elettrico, danneggiando il telone, le vetrate e rubando le pompe dell’acqua. “Siamo stati avvisati sabato 14 dicembre e immediatamente denunciato l’ennesimo grave atto alle forze dell’ordine – commenta in una nota Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie – ormai la situazione si è fatta insostenibile. Dal 2011 è il quinto atto intimidatorio che il bene subisce, sempre senza colpevoli. Chiediamo al Prefetto di convocare in tempi brevi un tavolo istituzionale sul Villaggio Borgo Sabotino”. Il Villaggio della Legalità, dedicato a Serafino Famà, avvocato catanese ucciso dalla mafia, già nell’ottobre del 2011 fu  oggetto di un atto grave: ignoti entrarono nella struttura di circa quatto ettari e distrussero completamente il centro, danneggiando computer, impianti elettrici, amplificazioni e suppellettili. Furono distrutte anche le vetrate a picconate. Nel novembre 2012 un nuovo episodio, quando ignoti entrarono nella struttura distruggendo le quattro telecamere di videosorveglianza per il controllo degli ingressi e della struttura. Dopo due mesi, nel gennaio del 2013 sempre ignoti appiccarono il fuoco su entrambi i lati della...


Borgo Sabotino, ennesimo atto vandalico sul bene confiscato

Ago 9th, 2013 | Categoria: news
Il “Villaggio della Legalità” di Borgo Sabotino (in provincia di Latina) è stato nuovamente oggetto di atti vandalici. Il bene è stato confiscato nell’aprile  2011 dal Comune perché ritenuto abusivo e assegnato in via temporanea all’associazione Libera. Proprio l’estate scorsa, circa trecento ragazzi provenienti da tutta Italia avevano qui dato vita al Terzo raduno dei giovani di Libera. Ieri notte ignoti si sono introdotti nella struttura intitolata alla memoria dell’avvocato Serafino Famà – ucciso dalla mafia il 9 novembre 1995 – e hanno distrutto serramenti, tubature, sanitari e le telecamere di videosorveglianza. Purtroppo, non si tratta del primo caso di atto vandalico registrato su questo bene. Nell’ ottobre 2011 furono distrutti i computer e, con un piccone, le vetrate. Nel novembre 2012, i vandali entrarono nella struttura di circa quatto ettari distruggendo le quattro telecamere di videosorveglianza che monitorano gli ingressi e la struttura. In una nota, Libera commenta così l’accaduto: “È l’ennesimo atto intimidatorio nei confronti del Villaggio della Legalità. Un grave segnale, un atto che ci preoccupa ma non ci ferma. Un messaggio che non ci intimidisce: nessuno può pensare di vandalizzare e di fermare l’impegno di recupero, del bene con il protagonismo delle tante realtà associative locali.  Ai segni...


La gioventù di Libera si raduna a Borgo Sabotino

Lug 12th, 2012 | Categoria: news
Serafino Famà fu ucciso dalla mafia a Catania il 9 novembre 1995. Avvocato penalista, aveva 57 anni. A lui è intitolato il Vilaggio della Legalità di Borgo Sabotino (in provincia di Latina) che dal 25 al 30 luglio ospiterà il terzo raduno dei giovani di Libera. Un bene affidato in gestione transitoria all’associazione dopo che fu confiscato per abusivismo edilizio e che gli addetti ai lavori hanno amaramente ribattezzato “Borgo sabotato” a causa dei numerosi atti vandalici registrati ai danni della struttura. Trecento ragazzi provenienti da tutta Italia si ritroveranno per riflettere e discutere sulla storia di questi ultimi vent’anni, scanditi dalle stragi del 1992 e del 1993, da Tangentopoli, dall’avvicendarsi tra Prima e Seconda Repubblica. Il programma prevede l’approfondimento di diverse tematiche, quali: il contesto degli anni 80 con il dilagare della corruzione e la crisi del patto di Varsavia; la nascita di Società Civile; le stragi del ’92 e del ’93 e la trattativa; le biografie di uomini servitori dello Stato ma da esso abbandonato; l’organizzazione della reazione all’indomani delle stragi con la nascita di «Narcomafie» e di “Libera”. Tra gli ospiti don Luigi Ciotti, Nando dalla Chiesa, Gian Carlo Caselli, Antonio Ingroia, Attilio Bolzoni, Alfonso Sabella. I ragazzi assisteranno...


A fuoco altri due terreni confiscati. Don Ciotti: “Non sono coincidenze”.

Giu 13th, 2012 | Categoria: articoli, prima pagina
Ieri mattina, 12 giugno, altri due incendi in contemporanea hanno colpito due uliveti confiscati alle mafie e affidati temporaneamente a Libera. Colpite in Sicilia dalle fiamme un uliveto a Castelvetrano, e altro uliveto in località Staglio a Partanna. Ancora fiamme, ancora incendi colpiscono terreni confiscati alle mafie. «Dieci giorni fa incendio uliveto – denuncia l’associazione Libera –  a Castelvetrano, poi duemila piante di arance a Belpasso nel catanese, ieri due quintali di grano andati in fumo a Mesagne per non citare le varie intimidazioni subite a Borgo Sabatino e nella piana di Gioia Tauro in Calabria. Non possiamo più pensare a delle coincidenza, sono colpiti beni confiscati restituiti alla collettività, sono un attacco al lavoro quotidiano di chi si impegna quotidianamente contro il potere criminale. Nessuno pensi con le fiamme di vandalizzare e fermare questo impegno. Contro queste fiamme il “noi” del nostro paese è chiamata in gioco e deve sentire forte questo impegno nella lotta alla criminalità». «Non possono lasciarci – ha dichiarato Don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera – indifferenti i recenti episodi di vandalismo a danno dei beni confiscati alle mafie, dalla Puglia alla Sicilia, dal Lazio alla Calabria. Quei beni non sono solo uno schiaffo alle...