Articoli con tags ‘ appello ’


Il Papa consegna la bolla e si rivolge ai corrotti “convertitevi”

Apr 14th, 2015 | Categoria: news, prima pagina
    Il Papa ha indetto l’Anno santo che inizierà l’8 Dicembre del 2015 e sarà dedicato alla misericordia. Il tema del giubileo è molto caro al pontefice e richiama alcuni temi su cui si era già espresso in precedenza, uno su tutti: la lotta contro la corruzione e la mafia. “Per il vostro bene vi chiedo di cambiare vita. Ve lo chiedo nel nome del Figlio di Dio che, pur combattendo il peccato, non ha mai rifiutato nessun peccatore. Non cadete nella terribile trappola di pensare che la vita dipende dal denaro e che di fronte a esso tutto il resto diventa privo di valore e di dignità. È solo un’illusione. Non portiamo il denaro con noi nell’al di là. Il denaro non ci dà la vera felicità. La violenza usata per ammassare soldi che grondano sangue non rende potenti né immortali. Per tutti, presto o tardi, viene il giudizio di Dio a cui nessuno potrà sfuggire”. Le parole del Papa comunicano un messaggio forte e comprensibile a tutti; riportano alla mente la dura scomunica da lui pronunciata sulla piana di Sibari il 21 giugno 2014. Il Papa si è rivolto a tutti quelli che hanno a che fare con il mondo delle...


Salvare il “numero verde” antitratta: l’appello delle associazioni

Lug 28th, 2010 | Categoria: archivio articoli, articoli
A dieci giorni dalla scadenza delle convenzioni con gli enti pubblici e non profit che da anni lo gestiscono, il Governo ha comunicato la decisione di sopprimere le 14 postazioni locali del “numero verde” nazionale antitratta 800 290 290 per sostituirle con un’unica postazione centrale. Una soluzione non condivisibile da chi, come l’associazione Gruppo Abele (che gestisce le postazioni di Piemonte e Valle D’Aosta) si spende da anni per il sostegno e la tutela delle vittime della tratta. Le postazioni locali del Numero Verde non si limitano infatti a una funzione di ascolto e di informazione sul tema della tratta degli esseri umani, ma costituiscono un elemento essenziale delle reti formate nei diversi territori dalle forze dell’ordine, dal terzo settore e dai servizi sociali per la difesa delle vittime di trafficking, per la maggior parte donne e minori. Un sistema che dal suo avvio, dieci anni fa, ha assicurato assistenza e integrazione sociale a oltre 14mila persone e consentito l’attivazione di denunce, arresti e condanne di criminali e sfruttatori. Continua a leggere su www.gruppoabele.org