Articoli con tags ‘ Antonio Lo Giudice ’


Arrestato capitano dei carabinieri al servizio della ‘ndrangheta

Dic 20th, 2010 | Categoria: news
Al di sopra di ogni sospetto. Così i colleghi descrivono Spadaro Tracuzzi, capitano dei carabinieri. Un uomo puntuale e preciso, al servizio dello Stato. E dell’Antistato. Ad accusarlo è stato il pentito Nino Lo Giudice, capo dell’omonima cosca che da alcuni mesi collabora con la Dda di Reggio Calabria. Il boss, arrestato nell’ottobre scorso, è stato sentito nel carcere di Rebibbia dal Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone e dal procuratore aggiunto Michele Prestipino. Tra i reati contestati ci sono: concorso esterno in associazione di tipo mafioso, per avere concretamente contribuito, pur senza farne formalmente parte, al rafforzamento, alla conservazione ed alla realizzazione degli scopi della ‘ndrangheta operante sul territorio della provincia di Reggio Calabria e sul territorio nazionale ed estero. E, in particolare, della cosca Lo Giudice, capeggiata da Antonino Lo Giudice perché nella sua qualità di ufficiale dell’Arma dei Carabinieri in servizio presso il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri di Reggio Calabria prima e presso il Centro Operativo Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria dopo, favoriva la cosca reggina. Durante le indagini gli investigatori  hanno riscontrato come lo stesso Tracuzzi abbia percepito consistenti somme di denaro, una Porsche in regalo, una Ferrari in prestito, alberghi pagati. Il capitano...


Calabria: sono loro gli attentatori?

Ott 21st, 2010 | Categoria: news
Sembrerebbe lui, Antonio Cortese, ufficialmente commerciante di frutta e verdura, il costruttore dei due ordigni fatti esplodere, nell’ordine, il 3 gennaio, sotto la Procura generale di Reggio Calabria, poi il 26 agosto, sotto l’abitazione del Procuratore generale Salvatore Di Landro. Lui, l’incaricato di tenere in ordine esplosivo ed armi, tra cui il bazooka ritrovato nei pressi della Procura il 5 ottobre scorso. Lui, l’esecutore materiale di tutte le intimidazioni ai magistrati. Cortese è stato arrestato ieri alla frontiera tra Italia e Slovenia, mentre viaggiava su un pullman di linea proveniente dalla Romania. Il suo nome è stato indicato dal boss Antonino Lo Giudice, arrestato lo scorso 7 ottobre con l’accusa di essere a capo dell’omonima cosca (il fratello Luciano era stato arrestato nell’ottobre 2009, con l’accusa di trasferimento fraudolento di valori). Un comportamento anomalo, quello di Antonino Lo Giudice che, pur essendo boss di una mafia, la ‘ndrangheta, che ha pochi pentiti, ha deciso di collaborare con la giustizia nel breve giro di una settimana, accusandosi di essere l’organizzatore degli attentati. “Gli arresti di Lo Giudice e di Cortese aprono uno squarcio” ha dichiarato ieri il questore di Reggio Calabria, Carmelo Casabona, durante la conferenza stampa “quel quadro che all’inizio sembrava...