Articoli con tags ‘ Antonio Bassolino ’


Il tramonto del Re sole

Gen 10th, 2009 | Categoria: archivio articoli
Perché un uomo dell’esperienza di Bassolino è rimasto impigliato nella malagestione di Napoli e della Campania? Analisi della sua fallimentare strategia di (non) governo Di transfughi, voltagabbana, trasformisti e camaleonti è zeppa la storia della Repubblica italiana (della prima, ma soprattutto della seconda): politici più premiati che puniti per il loro saltellare (spesso non una, ma più volte) di qua e di là degli schieramenti. E ne è zeppa soprattutto Napoli e la Campania, con i recenti casi – non si sa se più inquietanti o comici – di Sergio De Gregorio e Riccardo Villari. E, sempre a Napoli e in Campania, c’è chi li coccola e nobilita, insegnando l’arte del lobbying e il “mestiere” della politica. E poi c’è Antonio Bassolino. Un caso totalmente diverso, perché non appartiene a nessuna delle categorie di cui sopra. Anzi, a suo dire sarebbe sempre «sempre lo stesso da tutta una vita», come rivendicò rivolto a decine di giornalisti che l’assediavano il 31 luglio 2007, il giorno in cui fu citato in giudizio dalla Procura di Napoli per truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato e frode in pubbliche forniture. Fatto sta che l’uomo che, tra gli anni Settanta e Ottanta, era indicato...


La compagnia delle ecoballe

Lug 30th, 2007 | Categoria: archivio articoli
Alla faccia dell’”emergenza”. Dietro la “questione rifiuti” in Campania c’è una storia cominciata più di dieci anni fa. E ci sono nomi e cognomi: imprenditori e politici corrotti che con il mancato smaltimento hanno arricchito se stessi e i clan Cinque milioni di ecoballe fuori legge, un miliardo e mezzo di euro spesi in 11 anni dal commissariato di governo e altri 80 milioni stanziati a giugno dal governo: sono le cifre che segnano l’ennesima débâcle dello Stato in terra di Camorra. Quella che è stata chiamata “emergenza rifiuti” si sta rivelando sempre più una grande truffa di cui hanno beneficiato amministratori corrotti, malavitosi, imprenditori più o meno vicini agli uni e agli altri: lo sostengono i magistrati in una serie di inchieste intrecciate che, tassello dopo tassello, ne stanno ricostruendo la storia. L’inizio della crisi. Tutto comincia nel 1994 quando, dichiarato lo “stato di emergenza”, il governo nomina il primo commissario che ha il compito di tamponare la crisi. È solo nel 1996 che i poteri si ampliano e passano al presidente della Regione che in quel momento in Campania è Antonio Rastrelli. Ed è la sua amministrazione che organizza il bando di gara per appaltare la gestione di un...