Articoli con tags ‘ Angelo Vassallo ’


Chivasso, primo festival della Legalità

Mag 7th, 2014 | Categoria: news
“Mafie? Chivasso dice no!”. È questo il titolo del festival della legalità che si svolgerà dal 16 al 18 maggio a Chivasso, comune alle porte di Torino. La kermesse, alla sua prima edizione, è stata organizzata dal gruppo (cosiddetto “presidio”) di Libera Chivasso dedicato alla memoria del sindaco Angelo Vassallo e dall’amministrazione comunale, in collaborazione con Faber Teater, Blu room e Coop-Novacoop.Tanti gli appuntamenti in calendario per sensibilizzare la popolazione sul tema della lotta alle mafie. L’apertura del festival sarà alle 21 di venerdì 16 maggio presso il Palancia; gli ospiti saranno il sindaco Libero Ciuffreda, gli assessori comunali rispettivamente all’Istruzione e alla Legalità Giulia Mazzoli e Annalisa De Col, il presidente di Libera don Luigi Ciotti, la referente di Libera Piemonte Maria José Fava e il referente di Libera Chivasso Matteo Cerutti Sola. Due invece gli incontri previsti per sabato 17 maggio: alle 16.30 presso la biblioteca MoviMente, “Legalità come…Chivasso racconta percorsi di reazione”; alle 21, presso il Teatrino Civico, proiezione del documentario “Bruno Caccia: una storia ancora da scrivere”, alla presenza anche di Paola Caccia, figlia del magistrato ucciso dalla ‘ndrangheta il 26 giugno 1983. Domenica 18 maggio, alle 16.30, la sala consiliare ospiterà invece un incontro di approfondimento dal...


Cose nostre: per la legalità e la cultura, ricordando Angelo vassallo

Nov 4th, 2010 | Categoria: archivio articoli
Venerdì 5 novembre ricorrono due mesi dall’assassinio di Angelo Vassallo, il primo cittadino di Pollica ucciso a colpi di pistola in un agguato che sembra avere il marchio della fredda brutalità mafiosa. Per non dimenticare l’accaduto questo venerdì, in diretta streaming “a reti unificate”, dalle 20:00 alle 24:00, andrà in onda una maratona di solidarietà dal nome “Cose nostre: per la legalità e la cultura, ricordando Angelo Vassallo”. Al progetto aderiscono il network Altratv.tv, FEMI (Federazione delle micro web tv), Ipazia Preveggenza Tecnologica, Current, Valigia Blu, Repubblica, Wired, L’Unità, Rainews24, De Agostini, U-Station, aduni, YouDem. Per seguire comodamente la diretta sarà sufficiente collegarsi a www.cosenostre.tv set 2010 – Ucciso sindaco di Pollica (Sa) set 2010 – A Pollica le voci si moltiplicano ma anche i silenzi


Sindaci bersaglio delle cosche

Ott 20th, 2010 | Categoria: archivio articoli
di Giovanni Tizian
Non si placano gli atti intimidatori ai danni di amministratori “dalla parte giusta”: a poche settimane dall’omicidio di Angelo Vassallo, sindaco di Pollica, anche Giovanni Di Martino, primo cittadino di Niscemi, è nel mirino della mafia (altro…)


L’amministratore, un mestiere pericoloso

Ott 11th, 2010 | Categoria: archivio articoli
Quella che si è conclusa è stata un’estate difficile per gli amministratori. Il tragico episodio di Pollica – l’assassinio del sindaco Angelo Vassallo – è il più doloroso per la sua concretezza. Angelo Vassallo ha lasciato una moglie e due figli, ma non solo. Il vuoto istituzionale e la ferita civica sono sensibili quasi quanto la sparizione per un paesino della sua piazza centrale, del posto dove la gente in provincia si ritrova e costruisce legami. Purtroppo la lista degli atti intimidatori criminali è lunga: negli ultimi caldi mesi d’estate sono arrivate buste con minacce e proiettili, sono andate a fuoco automobili, esplose bombe sotto ai portoni. A Ottana, in provincia di Nuoro, il sindaco Gian Paolo Marras si è dimesso dopo aver ricevuto, con la sua famiglia, gravi intimidazioni a colpi di fucile. Solo l’ultimo degli episodi in Sardegna, dove solo nell’ultimo anno sono stati almeno 60 gli amministratori minacciati. A Isola Capo Rizzuto, il 5 luglio, è andata a fuoco l’auto del sindaco Caterina Girasole. Epilogo dei roghi  che a Isola hanno appiedato altri due esponenti del consiglio comunale a distanza di pochi giorni. La modalità dell’attentato è stata la stessa: con del liquido infiammabile e un cerino esponenti dei...


Se Ambrosoli “se l’andava cercando”

Set 15th, 2010 | Categoria: editoriali
di Livio Pepino
L’uccisione di Angelo Vassallo, sindaco di Polllica, uomo dei movimenti e delle istituzioni, propone, insieme al dolore e alla rabbia, riflessioni molteplici. Soprattutto in questa fase difficile nella quale il conflitto sociale cresce e la legalità sembra, a volte, un semplice slogan usato per mantenere lo status quo, con i suoi privilegi, le sue prevaricazioni, le sue ingiustizie. E per bloccare la crescita dei diritti e dell’uguaglianza. Cioè quel percorso che è costato la vita ad Angelo Vassallo. Di fronte a questo omicidio – come ha scritto Luigi Ciotti – «ci fermiamo tutti per avere più coraggio. Il coraggio, l’avere cuore e l’avere a cuore, di battersi ogni giorno per il bene pubblico, per l’ambiente, per la legalità, minacciati dalle mafie, dalla corruzione, dalle varie forme di illegalità. Come faceva Angelo. Ci fermiamo tutti perché l’omicidio di Angelo è una ferita alla comunità. Tutti dobbiamo ricordarlo, ma ricordarlo non basta se il ricordo non diventa maggiore corresponsabilità. Ci fermiamo tutti per procedere poi più determinati». È questa la strada. Ma occorre dire in modo esplicito che, tra gli ostacoli che ad essa si frappongono, ci sono l’indifferenza e il cinismo di una parte rivelante della politica e della società. L’omicidio di...


A Pollica si moltiplicano le voci ma anche i silenzi

Set 9th, 2010 | Categoria: news
Sono passati quasi quattro giorni dall’esecuzione del sindaco di Pollica Angelo Vassallo. In questi giorni si sono moltiplicate le voci e le manifestazioni: dal fratello della vittima Claudio Vassallo alla moglie Angela, dal Presidente Napolitano al vicesindaco di Pollica Stefano Pisani; dalla fiaccolata degli abitanti del comune cilentano al minuto di silenzio che ha preceduto la proiezione in Sala Grande del film in concorso a Venezia 67 ‘Noi credevamo’ di Mario Martone, ambientato proprio a Pollica. Mentre la moglie Angela chiede di non dimenticare il marito e quanto da lui fatto, il fratello Claudio, in un’intervista rilasciata a Sky Tg24, ha cominciato a ipotizzare le piste da seguire. Ha indicato gli interessi legati al porto e i problemi che ci sono stati questa estate con lo spaccio di droga ad Acciaroli come possibili ombrelli sotto i quali cercare il movente dell’omicidio. Infine si è premurato di spiegare le ultime preoccupazioni del fratello Angelo: “qualche giorno prima di essere ucciso mi disse: esponenti delle forze dell’ordine sono collusi con la criminalità”. Dietro questa frase Claudio lega la spiegazione dell’isolamento nel quale era caduto il primo cittadino, nonostante avesse cercato aiuto presso le forze dell’ordine: “Ci sono delle lettere scritte sia al comando...


Ucciso sindaco di Pollica (Sa)

Set 6th, 2010 | Categoria: news
E’ stato ritrovato questa notte dentro alla sua auto, crivellato da diversi colpi di pistola, il corpo senza vita di Angelo Vassallo, sindaco del comune di Pollica (Sa). A rinvenire l’Audi, trovata con il freno a mano tirato, è stato il fratello, avvertito dalla moglie di Vassallo del suo mancato ritorno a casa. La ricerca è partita da Acciaroli, una delle due frazioni di Pollica, ed è terminata intorno alle due di notte in località Cerza Longa, su una stradina isolata, ad appena cento metri dall’abitazione di Vassallo. L’agguato somiglia molto nello stile a quelli di stampo camorristico. A condurre le indagini sono i carabinieri del comando provinciale di Salerno guidati dal tenente colonnello Francesco Merone, sotto il coordinamento del procuratore di Vallo della Lucania Alfredo Greco. Greco, che conosceva direttamente la vittima, ha riferito che Vassallo “negli ultimi tempi era preoccupato” e che lo teneva “costantemente informato sugli sviluppi di alcune vicende”, segnalandogli “quando sul territorio accadeva qualcosa di particolare”. Il procuratore, al momento non in grado di identificare un possibile movente, precisa inoltre che, sebbene le modalità d’esecuzione siano di stampo camorristico, nessuna pista è da escludersi. Vassallo, 57 anni, nato a Acciaroli, era sposato e padre di due figli impiegati nel...


Se il popolo teme il futuro, dategli l’azzardo

Set 1st, 2010 | Categoria: numeri arretrati
Narcomafie_9_2010 Anche quando l’economia non gira, c’è un articolo che si vende benissimo. È la speranza di vincere. Un sogno che Stato e privati trasformano in moneta sonante. Cinquantacinque i miliardi spesi nel gioco nel 2009, più di 60 quelli stimati per il 2010. Ma chi ci guadagna veramente e quali sono le conseguenze di quest’industria in continua espansione? Nell’ultimo dossier di Narcomafie i dati più aggiornati, le storie meno conosciute e gli illeciti più diffusi del mondo dell’azzardo (altro…)