Articoli con tags ‘ 21 marzo ’


21 marzo, l’appello degli studenti pugliesi: “A Foggia, per non subire più le città, ma per viverle”

Mar 11th, 2016 | Categoria: news
di Rete della Conoscenza Puglia
Ci avviciniamo anche quest’anno al 21 marzo, XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di tutte le mafie. “Ponti di memoria, luoghi di impegno” è lo slogan che Libera ha scelto quest’anno per la manifestazione a Messina, per la prima volta diffusa in contemporanea su tutto il territorio nazionale, per portare nei nostri territori lo stesso messaggio di volontà di liberazione dalle mafie. La città scelta per la manifestazione pugliese è Foggia. Dopo dieci anni torneremo a percorrere le strade del capoluogo dauno in ricordo delle numerose vite spezzate dalla violenza delle mafie, tra cui Giorgio Palazzo, studente 18enne ucciso con un pacco bomba a cui fu dedicata la manifestazione del 2006. Crediamo sia fondamentale in questa fase tornare a popolare le strade delle nostre città, rispondere alla violenza praticando democrazia e partecipazione; a partire dalle cronache di Foggia più efferate degli ultimi mesi, assistiamo alla medesima diffusione a macchia d’olio di violenza, disgregazione, solitudine popolare sul nostro territorio pugliese. La contrazione dei diritti sociali, l’impoverimento diffuso, la sfiducia e la disillusione nella possibilità di cambiare un presente che logora, che sembra non offrire vie di scampo risuonano nell’aria come richiesta di riscatto. Rivendichiamo il diritto a non subire più certe...


A Bologna la Giornata della Memoria e dell’Impegno per ricordare le vittime delle mafie

Mar 19th, 2015 | Categoria: prima pagina
di redazione
Sabato 21 marzo Bologna accoglierà la ventesima edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Un appuntamento che si prepara ogni giorno sui territori, affiancando la memoria all’impegno, pilastri dell’associazione Libera che promuove la Giornata e che quest’anno ha scelto come slogan “La verità illumina la giustizia”. La Giornata del 21 marzo sarà preceduta da alcune iniziative in programma per domani, venerdì 20: alle ore 12 si svolgerà il  consiglio comunale solenne presso Palazzo Re Enzo; dalle 15 alle 17, nello stesso luogo, si terrà l’incontro, a porte chiuse, tra i famigliari delle vittime innocenti delle mafie, al quale seguirà, dalle 17.30, la veglia di preghiera e riflessione con i famigliari presso la Cattedrale di S. Pietro. Sabato 21 il corteo partirà alle 9.30 da via Andrea Costa, nella zona antistante lo stadio Renato Dall’Ara; percorrerrà le vie Andrea Costa, Sant’Isaia, Barberia, Carbonesi, Farini, attraverserà Piazza Galvani e proseguirà per via Archiginnasio, Piazza Maggiore, Piazza Nettuno, via Indipendenza e via Irnerio. L’arrivo è previsto sulla piazza 8 agosto, dove saranno letti tutti i nomi delle vittime delle mafie, delle vittime del rapido 904, delle stragi del 2 agosto 1980 a Bologna e di Ustica il 27 giugno...


L’Italia dell’antimafia e del rinnovato impegno in ricordo delle vittime

Mar 14th, 2012 | Categoria: articoli, prima pagina
di Marika Demaria
«Nel primo anniversario della strage di Capaci, mi si avvicinò una donna, in lacrime. Mi chiese perché il nome di suo figlio non veniva mai ricordato. Suo figlio era Antonio Montinaro, caposcorta di Giovanni Falcone, anch’egli morto il 23 maggio 1992. In quel momento ho capito, abbiamo capito perché ero con altri amici ed è sempre il noi che vince, che avremmo dovuto fare qualcosa di concreto per ricordare questi avvenimenti e che avremmo dovuto trasformare questa memoria in impegno». Così don Luigi Ciotti racconta la genesi della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie, che si svolgerà a Genova il 17 marzo. «Non si tratta di un corteo, di una manifestazione o di un evento: è l’abbraccio che cittadini responsabili che hanno deciso da che parte stare e che provengono da tutta Italia, daranno ai famigliari delle vittime delle mafie, presenti con una delegazione di oltre 500 persone». Lo slogan “Genova Porta d’Europa” accompagnerà la giornata, giunta alla sua XVII edizione, promossa dall’associazione Libera e Avviso Pubblico. «Saremo a Genova – ha puntualizzato don Ciotti – per continuare a gridare che le mafie sono un problema che attraversa tutta l’Italia. Io mi stupisco di chi...


Ciotti verso il 21 marzo: “la Costituzione è il primo testo antimafia”

Mar 18th, 2011 | Categoria: news
Don Ciotti, fondatore e presidente di Libera, insieme con 50mila persone tra familiari di vittime, volontari e cittadini, apre domani a Potenza la sedicesima giornata della Memoria e dell’Impegno. La scelta della Basilicata, quale location dell’evento, non è casuale: “In terra lucana esistono intrecci tra poteri, zone di complicità, ma anche una società forte che lotta per la giustizia e che aspetta la nostra vicinanza. L’etimologia di Lucania è terra di luce, per alcuni anche terra “di lupi”. Una terra che conosce la ferocia di lupi umani, che hanno alimentato episodi di violenza, di offesa a una dignità umana che è compito di tutti riscattare”. La marginalità della Basilicata è cornice alla marginalità cui troppo spesso sono costrette le famiglie delle vittime di mafia, lasciate sole dalle istituzioni e dimenticate dall’opinione pubblica. L’appuntamento del 21 marzo è anche questo, poiché: “C’è anche una società che lotta per la giustizia e che ci aspetta per sentire questa vicinanza”, spiega Ciotti. La giornata della Memoria e dell’Impegno incrocia quest’anno i 150 anni dell’Unità d’Italia.”Che sono 150 anni anche di radicamento criminale, e allo stesso tempo di uomini e donne che lottano. L’Italia non è...


Vittime di mafia riunite a Terrasini. Questa sera don Ciotti a “Vieni via con me”

Nov 29th, 2010 | Categoria: news
Erano quattrocento ieri a Terrasini, in provincia di Palermo. Famigliari delle vittime di mafia. Si sono contati, hanno discusso e riflettuto insieme. Venivano da ogni parte d’Italia, poiché ovunque – al sud come al nord – la mafia miete le sue morti. Non era certo la prima volta che si incontravano. Ogni anno, da quindici anni, il 21 marzo si ritrovano nella “Giornata della memoria e dell’impegno” a ricordare uno ad uno i nomi e i cognomi delle vittime della criminalità organizzata. Quest’anno l’appuntamento sarà a Potenza. Mancava, però, un momento di incontro, di studio, di riflessione, per denunciare con coraggio ciò che non va. Con loro c’era don Luigi Ciotti, presidente di Libera: “Il grido che abbiamo sempre colto è il bisogno di giustizia e di verità che ciascuno  esprime. Ma io aggiungo che c’è una terza istanza da portare avanti, il bisogno di dignità. Per questo siamo qui, in questa assemblea. Provo una grande commozione salutando tutti, conoscendo le storie, le ferite profonde e la grande capacità di mettere in gioco la vita”, e prosegue: “Per noi quelle persone non sono morte, sono vive attraverso voi che ne avete preso il testimone e andate in giro per le...