prima pagina
Il poliziotto Beppe Montana di Dario Montana

La Catturandi era considerata l’Università della Polizia, la squadra mobile di Palermo, la migliore insieme a quella di Reggio Calabria. All’indomani della strage di via Carini (3 settembre 1982), come sempre accade in questi casi, lo Stato risponde aumentando gli organici della polizia: un’occasione irripetibile per Beppe che aveva appena finito il corso presso l’Istituto […]

prima pagina
La mia famiglia, mio fratello. E quell’atroce 28 luglio 1985 di Dario Montana

La nostra è stata una famiglia felice, fino a quel maledetto 28 luglio del 1985. Una famiglia borghese. Papà era un direttore del Banco di Sicilia; mia madre, innamoratissima di lui, era una casalinga; poi c’eravamo noi tre fratelli: Beppe, Gigi ed io, Dario. Tra mio padre e Beppe c’era un legame speciale. Papà non […]

prima pagina
Trent’anni fa l’omicidio di mio fratello, Beppe Montana di Dario Montana

Estate 1985. Gli italiani fischiettavano per le strade gli ultimi successi della stagione: L’estate sta finendo dei Righeira e Ragazzi di oggi di Luis Miguel. Madonna conquistava i primi posti nelle classifiche delle hit parade mondiali. Pagando con una banconota da mille lire, si poteva acquistare il quotidiano e bere un caffè al bar. Francesco […]

prev next

brevi di mafia

Sequestrati beni all’imprenditore aversano Francesco Grassia

La Direzione Investigativa Antimafia di Napoli sta ultimando l’esecuzione di un decreto di sequestro di beni (emesso dalla sezione misure di ...

Presentata la proposta di legge per i testimoni di giustizia

Davide Mattiello, coordinatore del V Comitato dell'Antimafia che si occupa di testimoni, collaboratori e vittime di mafia, ha reso noto ...

Strage di via Palestro, l’annuncio di Pisapia: “Un giardino per ricordare le vittime”

Oggi, 27 luglio, ricorre il ventiduesimo anniversario della strage di via Palestro (nella foto), a Milano, nella quale persero la ...

Una mostra per ricordare Falcone e Borsellino all’Asinara

Nell'agosto del 1985 i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino si rifugiarono all'Asinara per scrivere in tutta sicurezza nell'allora "isola ...

Caso Fiorita, chiesti 4 anni e 10 mesi per Raffaele Fitto

Quattro anni e dieci mesi. E' pesante la richiesta di condanna avanzata oggi da Donato Ceglie, sostituto procuratore generale della ...

Incendio ‘Resit’, denunciato dipendente Consorzio Unico di Bacino

Un dipendente del Consorzio Unico di Bacino, azienda che si occupa di servizi per l'ambiente attualmente in via di dismissione, ...

“Ogni volta che guardi il mare”. A Roma, il debutto dello spettacolo su Lea Garofalo

Si chiama "Ogni volta che guardi il mare" ed è lo spettacolo teatrale che riassume la vicenda umana di Lea ...

Micro telecamere nei lampioni. Ecco come il nipote del boss di Bari eludeva la polizia

Telecamere piazzate in punti strategici: tra finte viti, sui pali, in giardini condominiali. Il fine: spiare i movimenti di polizia ...

Soverato, carabiniere arrestato per associazione mafiosa

È stato arrestato a Soverato l'ex brigadiere dei carabinieri Vincenzo Alcaro, di 50 anni, coinvolto nell'inchiesta condotta nel 2012 dalla ...

Giugliano: incendio alla Resit, la ‘cava della camorra’. Sindaco: “Ecomafie non riposano”

Un vasto incendio è divampato nelle prime ore di oggi all'interno di cava Z, che fa parte della Resit, la ...

Csm: ok governo su aggressione beni ai mafiosi

Va nella direzione di rendere "più efficace l'azione di contrasto alla criminalità organizzata e di aggressione ai patrimoni di natura ...

NEWS

Emilia, la mafia è ovunque evidenza

L’Emilia Romagna non è più un’isola felice. A confermare la metamorfosi, ormai avvenuta, è una volta di più la mappatura redatta dall’Osservatorio provinciale di Rimini sulla criminalità organizzata. Un rapporto impietoso che racconta di un quinquennio che ha visto “sempre più profilarsi l’ipotesi di una sorta di colonizzazione per la ‘ndrangheta, mentre per la camorra […]

Commissione Giustizia su voto di scambio: pene più dure per corrotti e mafiosi evidenza

La seduta notturna della Commissione Giustizia della Camera ci è andata giù pesante, inasprendo le pene sul voto di scambio politico-mafioso (416-ter). Molte polemiche, anche aspre, poi, ormai in mattinata, il via libera. Nell’emendamento licenziato, e che ora passerà al vaglio delle aule parlamentari (ma non sono più previsti cambiamenti, almeno nelle parti modificate in […]

Morte Mohammed, domani manifestazione a Nardò. Il sindaco: “Comune parte civile”. In Puglia oltre 10 mila lavoratori nei ghetti evidenza
di Piero Ferrante

La morte di Abdullah Mohammed ha scosso, anche se appena un po’, la sonnacchiosa estate pugliese. In tutta la regione, c’è un sussulto d’indignazione commisto a rabbia. Ma indignazione e rabbia sono emozioni passeggere, e il rischio è che permanga quel vuoto normativo e che ha portato alla morte del bracciante sudanese. E per questo, […]

ARTICOLI

Dissequestrata Pasquasia. Rimane l’ombra della mafia sulle bonifiche evidenza
di Saul Caia e Rosario Sardella

La miniera di Pasquasia, in provincia di Enna, è stata dissequestrata. A togliere i sigilli è stata la stessa Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta, che nel marzo del 2014 aveva richiesto il provvedimento giudiziario. A rendere pubblica la notizia è stato il presidente della commissione per le miniere siciliane all’Urps Giuseppe Regalbuto, che da anni […]

Processo Rostagno, le motivazioni della sentenza emessa a maggio 2014 evidenza
di Rino Giacalone

  La corte di Assise di Trapani, presieduta da Angelo Pellino, ha depositato le motivazioni della sentenza del processo per l’omicidio del giornalista e sociologo Mauro Rostagno. Poco più di 3 mila pagine che di fatto chiudono il cerchio attorno alle responsabilità del delitto che risale al 26 settembre del 1988 e per il quale […]

Emergenza migratoria: prefetti e funzionari di polizia in polemica con Alfano evidenza
di Piero Innocenti

Le recenti, legittime, doglianze dei prefetti – impegnati in molte province a trovare strutture ricettive per accogliere i profughi – rese pubbliche attraverso una loro “rappresentanza sindacale”, hanno suscitato una dura replica del ministro dell’interno Alfano che ha anche rimosso dall’incarico il prefetto di Treviso. Il ministro ha, dunque, scaricato sui prefetti la soluzione di […]